Dakar 2021, i favoriti tra le auto: Toyota, Mini, Peugeot e Prodrive si sfidano. Loeb insegue il primo successo in carriera

L’incertezza regna sovrana a pochi giorni dal via della Dakar 2021. Alla vigilia della 43^ edizione di una delle prove più affascinanti e difficili del motorsport sono parecchi i contendenti per il successo tra le auto. Toyota, Peugeot, Mini e ‘Hunter’ (Prodrive) sono i quattro marchi che si contenderanno il successo tra le vetture. Mini si appresta a difendere il titolo dello scorso anno e parte con i favori del pronostico, ma tutto può cambiare in una sfida che non ha paragoni nel mondo dei motori.

All’interno dell’entry list spiccano due nomi pesantissimi della storia del motorsport: Carlos Sainz e Sébastien Loeb. Il primo, spagnolo due volte campione del mondo nel Mondiale Rally e tre volte vincitore della Dakar, si appresta a difendere il titolo conquistato lo scorso anno. L’iberico verrà supportato dal connazionale Lucas Cruz a bordo di una Mini.

Il secondo, nove volte campione nel WRC, insegue la prima affermazione alla Dakar. Il transalpino sbarca in Arabia Saudita con il nuovissimo Hunter, autoveicolo costruito da Prodrive. Loeb, in macchina insieme al monegasco Daniel Elena, dovrà vedersela con moltissimi esperti della corsa come il connazionale Stéphane Peterhansel. Il francese, 13 volte primo in questa speciale corsa, 7 delle quali in auto, si presenta ai nastri di partenza con una Mini gestita dallo stesso team di Sainz.

Tra le Toyota spicca il nome di Nasser Al-Attiyah. Quest’ultimo, nativo dello Stato del Qatar, insegue il quarto titolo nella Dakar a due anni dall’ultimo sigillo. Attenzione anche a Peugeot, ben rappresentata dall’arabo Khalid Al Qassimi, più volte impegnato in carriera nel Mondiale Rally. Quest’anno non vi sarà la partecipazione dello spagnolo Fernando Alonso, ma il ‘settore pista’ sarà rappresentato dal francese Romain Dumas. Il pilota Porsche, vincitore nella 24 ore di Le Mans, nella 24 ore di Spa, nella 24 ore del Nuerburging, nella 12 ore di Sebring ed in molto altro, correrà per la quinta volta la Dakar e difenderà i colori di Rebellion Racing.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Rugby, TOP10 2020-2021: domenica si recuperano Petrarca-Lazio e Valorugby-Rovigo

Ciclismo, lunedì si saprà se le squadre europee parteciperanno alla Vuelta a San Juan 2021