Basket, Champions League 2021: Brindisi espugna Istanbul e conquista la qualificazione

Missione compiuta ad Istanbul per la Happy Casa Brindisi. La squadra di coach Vitucci ha espugnato il campo del Darussafaka per 87-83, centrando l’accesso alla Top-16 della Basketball Champions League. Una grande prestazione per la squadra pugliese, che ha saputo soffrire, per poi rimontare con un grande ultimo quarto da 30-20.

Una Brindisi con sei giocatori in doppia cifra ed il migliore è stato D’Angelo Harrison con 24 punti. Decisivi per la vittoria, però, anche gli 11 di Alessandro Zanelli e i 10 di Mattia Udom, autori di alcuni canestri chiave negli ultimi dieci minuti. Al Darussafaka non sono bastati i 28 punti di Andrew Andrews.

Partenza lanciata del Darussafaka (7-2), ma Brindisi riesce a restare incollata con due triple di Willis. Il finale di quarto però è tutto per i turchi, che chiudono avanti 27-19 alla prima sirena. Harrison avvicina subito Brindisi ad inizio secondo quarto e poi è una tripla di Bell a firmare il primo vantaggio per la Happy Casa sul 36-33. All’intervallo i padroni di casa comandano 40-39.

Al rientro dagli spogliatoi il Darussafaka è infuocato. Andrews guida il parziale che lancia i turchi anche sul +15 e quindi sopra la quota di undici punti che sarebbe necessaria per ribaltare il fattore campo. Brindisi si aggrappa ad Harrison e arriva sul -6 prima dell’ultima sirena. Due triple di Udom ribaltano l’inerzia, poi ci pensa Zanelli con un meraviglioso gioco da quattro punti. E’ il segno della svolta e poi Harrison trascina i suoi ad una vittoria anche dal profumo di storia.

IL TABELLINO DELLA PARTITA

DARUSSAFAKA ISTANBUL – HAPPY CASA BRINDISI 83-87 (27-19, 13-20, 23-18, 20-30)

Darussafaka: Veyseloğlu, Demir 3, Andrews 28, Jerrett 16, Buford 10, Akyuz, Luther 2, Magette 10, Özdemiroglu 14, Kosut, Sav, Dogan

Brindisi: Krubally 10, Zanelli 11, Harrison 24, Bell 5, Willis 10, Visconti, Gaspardo 2, Thompson 11, Cattapan, Guido, Udom 10, Perkins 4

 

Credit Ciamillo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Australian Open 2021, le tante assenze possono far sperare in Jannik Sinner testa di serie

LIVE Darussafaka-Brindisi 83-87, Champions League basket in DIRETTA: vittoria e qualificazione per la Happy Casa