Biathlon, Lukas Hofer: “Ho forzato nella terza serie e sono stati errori pesanti, contento per essere sempre stato in lotta con i migliori”

Si conferma l’ottimo momento della Nazionale svedese in questo avvio di stagione nella Coppa del Mondo di biathlon. Dopo i due successi di Hanna Oeberg nelle sprint, è Sebastian Samuelsson a conquistare il suo primo successo nel circuito maggiore sfoggiando il pettorale blu di leader della classifica under 25, sopravanzando la sorpresa di giornata, il francese Fabien Claude, secondo a 15″8, ed il leader della classifica generale, il norvegese Johannes Boe, terzo a 19″5 e staccato da Claude nell’ultimo giro a parità di errori, evidenziando una condizione non ottimale.

Buona la prestazione di Lukas Hofer. L’atleta altoatesino nella prima parte di gara è stato a contatto con la zona podio, preciso nelle due serie a terra, perdendo poi terreno con i quattro bersagli mancati in piedi (due errori per serie), mostrando però una buona velocità sugli sci stretti, giungendo 16° a 1’12″1 dal vincitore. Ad ogni modo l’azzurro è consapevole di aver comunque condotto una gara positiva.

Queste le sue parole (fonte: IBU): “Diciamo che sono riuscito a gestire bene il vento nella prima serie, dal momento che era simile a quando avevo svolto l’azzeramento, con il vento verso sinistra. Nella seconda serie ho dovuto dare tacche, ma ho reagito bene e sono risultato pulito al poligono, mentre nella prima serie in piedi il vento è calato ed ho rischiato un po’ di più (shooting time 22″1, secondo solo a Jacquelin tra i big, ndr). Sono i classici errori di velocità che non devo fare e che purtroppo pesano sulla mia prestazione, mentre nel poligono finale è tornato ad incidere il vento ed ho provato a coprirli tutti. Complessivamente sono comunque soddisfatto, perché durante la gara mi sono sempre trovato con i primi a lottare per un risultato importante“.

nicolo.persico@oasport.it

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “mi piace” alla nostra pagina “Il biathlon azzurro”
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pallamano: Rasmus Lauge infortunato? Preoccupano le condizioni del centrale danese

Classifica Coppa del Mondo sci alpino 2020-2021: Alexis Pinturault in testa, +47 su Zubcic