Vuelta a España 2020, la tappa di oggi Hipódromo de la Zarzuela-Madrid: percorso, altimetria, favoriti. Passerella finale per i velocisti

La Vuelta a España 2020 si conclude quest’oggi con la diciottesima tappa Hipodromo de la Zarzuela-Madrid. Si tratterà di una frazione completamente pianeggiante, la classica passerella nella capitale spagnola che incoronerà per la seconda volta Primoz Roglic. Lo sloveno, dopo il trionfo del 2019, ha concesso il bis al termine di una competizione a lungo dominata, con tanto di quattro successi di tappa, ma sofferta sino in fondo e conquistata per soli 24″ sull’ecuadoriano Richard Carapaz. Il podio appare ormai consolidato: la top3 sarà completata dal britannico Hugh Carthy, mai così in alto in carriera in un grande giro.

LIVE Vuelta a Espana 2020, Zarzuela-Madrid in DIRETTA: finale per velocisti, Roglic celebrerà il trionfo

PERCORSO

Tappa senza alcuna difficoltà altimetrica per il gruppo, che partirà dall’Hipódromo de la Zarzuela, considerato uno degli ultimi monumenti del racionalismo madrileño. Strada tranquilla fino a Madrid, dove si arriverà a 38 chilometri dal traguardo, dove inizierà un percorso di 5.9 chilometri da percorrere sei volte fin ad arrivare alla volata finale, quasi scontata.

ALTIMETRIA

FAVORITI

La volata finale si preannuncia più incerta che mai. Sulla carta gli uomini da battere sono il tedesco Pascal Ackermann (Bora-hansgrohe) e l’irlandese Sam Bennett (Deceuninck-Quick Step): entrambi hanno già conquistato un successo di tappa. In grande forma è il belga Jasper Philipsen (UAE Emirates), galvanizzato dopo il trionfo nella quindicesima frazione. Della partita sarà un altro corridore che ha già lasciato il segno in questa Vuelta, il danese Magnus Cort Nielsen (EF Pro Cycling). Per l’Italia nessuna chance di ben figurare. Dopo il ritiro di Andrea Bagioli, sono rimasti in gara i soli Mattia Cattaneo (Deceuninck-Quick Step) e Davide Formolo: entrambi non sono velocisti e non parteciperanno allo sprint.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo su pista, Europei 2020: Liam Bertazzo e Michele Scartezzini positivi al Covid-19

Ciclismo, Marc Madiot: “David Gaudu ha dimostrato di meritarsi i gradi di leader”