Pagelle Real Madrid-Inter 3-2: voti Champions League 2020-2021, Hakimi e Vidal sottotono, si salvano Barella e Lautaro

L’Inter ha perso 3-2 contro il Real Madrid in Champions League. Di seguito le pagelle della partita.

VIDEO HIGHLIGHTS REAL MADRID-INTER 3-2

VIDEO HIGHLIGHTS ATALANTA-LIVERPOOL 0-5

PAGELLE ATALANTA-LIVERPOOL 0-5

PAGELLE REAL MADRID-INTER 3-2: TUTTI I VOTI

INTER (3-4-1-2)

Handanovic 6.5 – Il capitano si mangia le mani. All’inizio si supera dopo 4′ per deviare un tiro di Asensio da distanza ravvicinata. Sul gol di Benzema dell’1-0 prova l’uscita disperata, ma il francese lo supera. Sul colpo di testa di Sergio Ramos del raddoppio non può davvero nulla, come sulla rete del 3-2 di Rodrygo.

D’Ambrosio 5.5 – Gioca nei tre di difesa, e sarebbe nelle sue corde, ma non riesce ad unire spinta e copertura come suo solito. Fino ad ora obiettivo non centrato, con la complicità anche nell’azione del 3-2.

de Vrij 6 – Il pacchetto arretrato poggia tutto, o quasi, sulle sue spalle. Non risulta esente da colpe sul corner del 2-0, quindi esce troppo alto in occasione del 3-2. Prima e dopo, invece, gioca un match impeccabile.

Bastoni 6 – Il giovane classe 1999 parte bene, ma partecipa alle difficoltà della retroguardia nei due gol. Non ha colpe particolari, ma in altre occasioni si era dimostrato più preciso.

Hakimi 4.5 – L’ex con il dente avvelenato non si fa rimpiangere. In avvio compie una clamorosa frittata in occasione del vantaggio del Real. Sbaglia completamente il passaggio arretrato e lancia in porta Benzema! Da quel momento appare in difficoltà, anche in fase offensiva, e spiana anche la strada ai Blancos nell’azione del 3-2.

Vidal 5.5 – Partita complicata per il cileno. Perde troppi palloni sulla propria tre quarti ma ad inizio gara sfiora il gol con un destro meraviglioso dai 20 metri. La palla lo beffa per pochi centimetri! Si becca un giallo evitabile a fine primo tempo per un fallo duro, quanto inutile, a metà campo. In avvio di ripresa si frappone tra Lautaro e la chance del 2-2. In confusione. Dal 87′ Nainggolan SV

Brozovic 6 – Come sempre in cabina di regia per dettare i tempi dei suoi compagni. Il croato finchè può gestisce bene il pallone e non commette errori particolari, si becca un giallo ad inizio ripresa e perde colpi con il passare dei minuti.

Young 5.5 – Dopo un primo tempo sottotono cresce con il passare dei minuti e prova a farsi notare anche in fase di spinta. Un match non indimenticabile nel complesso per l’inglese.

Barella 7 – Si alterna con Vidal nel ruolo di trequartista ma nelle prime fasi risulta un po’ troppo sulle sue. Ha il merito di fornire il pallone dell’1-2 a Lautaro, da quel momento cresce anche a livello di personalità. Si prende un giallo e Conte gli risparmi gli ultimi minuti con la spia del serbatoio che iniziava ad accendersi. Dal 78′ Gagliardini SV

Perisic 6.5 – Gioca vicino a Lautaro Martinez ma svaria molto non dando punti di riferimento. Al 10′ spreca una buona chance crossando, invece che calciare in porta con Courtois a terra. Segna il gol del pareggio con un bel tiro sul secondo palo da vero attaccante. Esce sfinito dopo un buon secondo tempo. Dal 78′ Sanchez SV –

Lautaro Martinez 7 – L’argentino era reduce da un momento davvero opaco e voleva scuotersi. Missione compiuta. Dopo una prima occasione al 35′ scaglia in porta il gol dell’1-2 e rimette in corsa i suoi, quindi serve con un colpo di testa perfetto l’assist a Perisic per il 2-2. Al 75′ sfiora il 3-2 con un destro a giro che esce di un soffio! Questa volta non ha nulla da rimproverarsi, anzi!

All: Conte 5.5 – Senza Lukaku la formazione è quasi inevitabile. Lascia in panchina Kolarov e Eriksen, e ci sta. La sua squadra commette tre errori e viene punita. I cambi non sortiscono effetti.

REAL MADRID (4-3-3): Courtois 6; Lucas Vazquez 6.5, Varane 6, Sergio Ramos 7, Mendy 5; Valverde 6, Casemiro 5.5, Kroos 6 (dal 78′ Modric 6); Asensio 5.5 (dal 64′ Vinicius 7), Benzema 6.5, Hazard 5.5 (dal 64′ Rodrygo 7). All. Zidane 6.5.


Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pagelle Atalanta-Liverpool 0-5: Hateboer in confusione totale, Gomez assente. Djogo Jota scatenato

Champions League calcio, i risultati di oggi: Bayern, Borussia ‘Gladbach e Liverpool a valanga. Perdono Inter e Atalanta