Masters 1000 Parigi-Bercy 2020: Stefano Travaglia esce al primo turno, Alex de Minaur migliore nei momenti decisivi

Finisce al primo turno l’esperienza di Stefano Travaglia al Masters 1000 di Parigi-Bercy, il cui tabellone principale ha preso il via oggi. Ad estrometterlo è l’australiano Alex de Minaur con il punteggio di 6-4 6-4 e una migliore capacità di interpretare i momenti decisivi, come testimonia il momento in cui sono arrivati i due break. Per il numero 1 d’Australia ora il confronto è con uno tra Lorenzo Sonego o il kazako Alexander Bublik, impegnati nella giornata di domani.

Nel primo parziale è Travaglia a iniziare meglio, tant’è che ha una palla break nel terzo game, prontamente cancellata da de Minaur. Col tempo l’australiano inizia a concedere di meno, sul 4-3 in proprio favore sale sullo 0-30, ma l’azzurro riesce a reagire, solo per non poter poi fare nulla sul 5-4, quando dal 30-0 perde quattro punti consecutivi e anche il parziale, nel quale aveva pure servito in maniera valida (64% con la prima e 83%, come de Minaur, di punti vinti sulla prima, pagando però sulla seconda con un 35% di punti conquistati).

Copione abbastanza simile nel secondo set, dove però l’italiano riesce a incidere di più, e si trova anche sul 2-2 15-40, ma de Minaur non gli concede troppe chance e si salva. Travaglia è spesso in grado di minacciare gli ingranaggi del suo avversario, arrivando sia sul 3-3 che sul 4-4 fino al 30 pari, senza però riuscire a dare la giusta spallata. Che è proprio quella che l’australiano riesce a mettere in atto nel game finale, vinto a zero: qui anche un generale miglior rendimento con la prima (85% in campo e 73% di punti vinti) non basta al terzo degli azzurri provenienti dal tabellone cadetto.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL TENNIS

federico.rossini@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Vuelta a España 2020, Richard Carapaz: “Il duello tra me e Roglic sta rendendo la corsa emozionante e spettacolare”

Ciclocross, Europei 2020: annullate le gare juniores