Seguici su

Judo

Judo, Europei 2020: Odette Giuffrida sul tetto d’Europa! Vincono a sorpresa anche Boukli, Karakas e Safarov

Pubblicato

il

Odette Giuffrida compie l’impresa e riporta l’Italia sul gradino più alto del podio agli Europei di judo dopo 12 anni di attesa. Una medaglia d’oro strameritata per la 26enne romana, che si sblocca finalmente dopo tre quinti posti con la sua prima medaglia continentale a livello senior. La vice-campionessa olimpica di Rio 2016, al termine di un bellissimo percorso, si è imposta in finale sulla rumena Andreea Chitu (due volte oro europeo) per waza-ari confermandosi la punta di diamante del movimento judoistico azzurro femminile. La selezione tricolore chiude quindi il day-1 dell’Europeo di Praga in terza posizione nel medagliere provvisorio a pari merito con Ungheria e Azerbaigian.

Il Final Block odierno si era però aperto con gli ultimi incontri della categoria fino a 48 kg, in cui la 21enne francese Shirine Boukli ha fatto saltare il banco aggiudicandosi il primo titolo continentale della carriera grazie ad una netta vittoria per ippon dopo appena 40″ sulla serba Andrea Stojadinov (reduce dall’oro europeo juniores ed il bronzo Under 23). Terzo posto conclusivo abbastanza deludente invece per la kosovara Distria Krasniqi, incapace di sfruttare al massimo l’assenza dell’ucraina Daria Bilodid, mentre l’altro bronzo è finito al collo della tedesca Katharina Menz.

Dominio russo nei -60 kg maschili, con Robert Mshvidobadze che si è imposto nell’atto conclusivo per ippon (a 4″ dallo scadere dei regolamentari) sul connazionale Yago Abuladze portando a casa la seconda medaglia d’oro continentale e soprattutto blindando praticamente il pass olimpico per Tokyo 2021. Completano il podio lo spagnolo Francisco Garrigos, giustiziere ai quarti dell’azzurro Angelo Pantano, ed il belga Jorre Verstraete, che si conferma di bronzo per la seconda edizione consecutiva.

Nella categoria -52 kg femminile, oltre alla finalissima per l’oro vinta da Giuffrida su Chitu, si sono disputati due spareggi per il bronzo estremamente equilibrati ed intensi che si sono decisi solamente al Golden Score. Primo podio europeo in carriera per la rivelazione spagnola Estrella Lopez Sheriff, che ha battuto a sorpresa la fortissima russa Natalia Kuziutina per waza-ari dopo 8’17” complessivi di incontro, mentre la belga Charline Van Snick ha sconfitto l’altra iberica Ana Perez Box dopo oltre 5′ supplementari raccogliendo la sua prima medaglia continentale da quando è salita di categoria (ne aveva vinte cinque nei -48 kg).

Trionfo inatteso nei -66 kg maschili da parte dell’azero Orkhan Safavov, che ha usufruito al primo turno della squalifica del n.1 al mondo Manuel Lombardo per poi rendersi protagonista di una bellissima cavalcata fino all’atto conclusivo, in cui si è sbarazzato in rimonta dell’israeliano Tal Flicker per ippon. Il francese Kilian Le Blouch ed il moldavo Denis Vieru si sono invece aggiudicati la medaglia di bronzo sconfiggendo rispettivamente il serbo Strahinja Buncic ed il georgiano Vazha Margvelashvili.

Dopo quattro podi distribuiti equamente tra secondi e terzi posti, l’ungherese Hedvig Karakas ha spezzato la maledizione ottenendo la prima medaglia d’oro europea della carriera a trent’anni nei -57 kg. La magiara ha sovvertito il pronostico che la vedeva sfavorita in finalissima contro la cinque volte campionessa continentale Telma Monteiro, costretta alla resa dopo 4’18” di Golden Score per hansoku make (triplo shido). Completano il podio la francese Sarah Leonie Cysique e la tedesca Theresa Stoll.

Di seguito il riepilogo dei podi della prima giornata degli Europei Senior 2020 di judo:

-48 kg F
1 Boukli (Fra)
2 Stojadinov (Srb)
3 Krasniqi (Kos) e Menz (Ger)

-52 kg F
1 Giuffrida (Ita)
2 Chitu (Rou)
3 Lopez Sheriff (Esp) e Van Snick (Bel)

-57 kg F
1 Karakas (Hun)
2 Monteiro (Por)
3 Cysique (Fra) e Stoll (Ger)

-60 kg M
1 Mshvidobadze (Rus)
2 Abuladze (Rus)
3 Garrigos (Esp) e Verstraeten (Bel)

-66 kg M
1 Safarov (Aze)
2 Flicker (Isr)
3 Vieru (Mda) e Le Blouch (Fra)

[sc name=”banner-article”]

erik.nicolaysen@oasport.it

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: IJF

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per scoprire quote, pronostici, bonus, recensioni bookmaker su scommesse sportive e molto altro su sport betting è possibile consultare la nostra nuova sezione dedicata alle scommesse online