Ginnastica artistica, Serie A: Brixia Brescia lanciata verso il 18° scudetto, le Fate per dominare la Final Six. Battaglia al maschile

La Brixia Brescia è lanciatissima verso la conquista del suo 18mo scudetto, il settimo consecutivo. La Leonessa è oggettivamente imbattibile e non dovrebbe avere grossi problemi a prolungare il proprio dominio sulla ginnastica artistica femminile alle nostre latitudini. La corazzata presieduta da Folco Donati e guidata da Enrico Casella, CT della Nazionale, si appresta a laurearsi Campionessa d’Italia.

La Final Six della Serie A, in programma nel weekend del 21-22 novembre al PalaVesuvio di Napoli, certificherà il valore tecnico di una compagine che sostanzialmente è la stessa che ha conquistato la medaglia di bronzo nella gara a squadre dei Mondiali 2019 con il body azzurro: Giorgia Villa, Asia D’Amato, Alice D’Amato, Martina Maggio sono molto agguerrite e saranno supportate anche da Angela Andreoli e Giorgia Leone, mentre Elisa Iorio sarà assente per infortunio. Le Fate sono apparse in ottima forma durante i recenti Campionati Italiani Assoluti, dove Giorgia e Asia hanno condiviso il gradino più alto del podio nell’all-around, avendo la meglio su Martina per appena mezzo decimo.

Nel capoluogo campano, proprio dove si è gareggiato due settimane fa, si vorrà chiudere in bellezza questa tormentata stagione, privata di quasi tutti gli appuntamenti internazionali (prima di Natale si disputeranno gli Europei a Mersin, ma tutte le Nazioni di punta non saranno presenti, Italia compresa). La Brixia ha vinto con ampissimo margine le prime tre tappe di regular season e dovrebbe fare lo stesso nell’atto conclusivo, anche se l’innovativo format degli scontri diretti con semifinali il sabato e finale la domenica potrebbe rendere il tutto più incerto, anche se non si vedono all’orizzonte delle formazioni in grado di poter battere le Fate nel massimo campionato italiano a squadre.

La Brixia Brescia è stata inserita nel girone B di semifinale insieme all’Artistica ’81 Trieste e alla Ginnastica Civitavecchia. Dovrebbe imporsi e poi accedere all’atto conclusivo, dove incrocerà la vincente del gruppo A (Juventus Nova Melzo e Giglio Montevarchi, il Centro Sport Bollate si è ritirato) e la migliore seconda dei due raggruppamenti. Discorso ben diverso al maschile, dove non c’è un dominatore dichiarato e indiscusso: Ginnastica Salerno, Spes Mestre e Pro Patria Bustese partono favorite negli scontri diretti di semifinale rispettivamente contro Virtus Pasqualetti Macerata, Giovanile Ancona, Ares, ma la lotta per il tricolore è veramente molto aperta e le tre teste di serie delle semifinali possono lottare ad armi pari per il tricolore, a maggior ragione con il meccanismo degli scontri diretti.

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto LM-LPS/Filippo Tomasi

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tennis, Dominic Thiem: “Contro Nadal ho giocato la mia miglior partita del post lockdown, meglio ancora che all’US Open”

Moto3, allarme giovani talenti. Italia, nessun nuovo pilota nel 2021