Ginnastica artistica, Finale Serie A: le pagelle. Angela Andreoli mostruosa, Giorgia Villa top, D’Amato e Maggio di grinta

Oggi si è disputata la Finale della Serie A 2020 di ginnastica artistica e si è assegnato lo scudetto del massimo campionato italiano a squadre. La Brixia Brescia ha vinto per la settima volta consecutiva (la 18ma nella sua storia). Di seguito le pagelle delle ginnaste di punta scese in pedana al PalaVesuvio di Napoli.

ANGELA ANDREOLI: 9. Straripante. Dopo il doppio podio raccolto ai Campionati Assoluti e la stoccata di ieri alla trave, oggi la 14enne ha dimostrato tutta la sua grandezza, ha sfoggiato un talento mostruoso e ha ribadito che può regalarci grandi soddisfazioni nell’immediato futuro. Alla trave esibisce un esercizio infarcito di difficoltà (5.8 il D Score, da big mondiale) e ottiene un complessivo 14.600 (mezzo punto di bonus, ha commesso qualche sbavatura), poi al corpo libero si esalta a livello acrobatico e offre una prestazione tecnicamente sontuosa (14.000, 5.5 la nota di partenza con tre decimi di bonus). Il livello tecnico parla in favore di questo piccolo fenomeno bresciano. Ne vedremo delle belle…

GIORGIA VILLA. 8. La vediamo in pedana per un minuto, ma è un minuto stupendo. La bergamasca semplifica un po’ la sua prova alle parallele, è scioltissima sugli staggi e senza il benché minimo affanno si spinge fino a un superlativo 14.750. Attenzione al valore esecutivo: 8.750! Altissimo su un attrezzo così insidioso, ottenuto partenza da 5.7 e con 3 decimi di abbuono.

MARTINA MAGGIO: 8. La sua trave è una garanzia assodata e da Campionessa d’Italia di specialità si esalta sui 10 cm: esecuzione di elevatissimo spessore (8.750), 5.2 di D Score e 13.950 complessivo. Sfiora il muro dei 14 punti senza usufruire di abbuoni. La brianzola è ormai sempre più convinta nei propri mezzi ed è entrata in una nuova dimensione, come aveva già confermato due settimane fa agli Assoluti.

ASIA D’AMATO: 8. Soffermiamoci sulla cosa più importante: il lavoro di pulizia fatto al corpo libero. Era l’attrezzo debole della genovese, che ci ha lavorato sopra davvero tanto ed è migliorata non soltanto a livello acrobatico, ma soprattutto a livello di esecuzione e di pulizia. Ne vedremo i risultati nel 2021, il 13.900 odierno (5.2 come D Score, 2 decimi di abbuono) è estremamente positivo. Aggiungiamoci poi un eccellente doppio avvitamento al volteggio: 14.950, ma ormai ci siamo abituati…

ALICE D’AMATO: 7. Un peccato per la caduta alle parallele, anche perché il resto dell’esercizio era ottimo e sarebbe andata tranquillamente oltre i 14 punti. Un errore ampiamente perdonabile della genovese, che è stata encomiabile al volteggio: 15.000 (con 2 decimi di bonus), uno dei punteggi più alti dell’anno!

CHIARA VINCENZI, MANILA ESPOSITO, GIULIA COTRONEO, GIULIA BENCINI: 7. Un bel voto per le giovani della Ginnastica Civitavecchia, capaci di conquistare un secondo posto di lusso alle spalle dell’inarrivabile Brixia Brescia. Davvero brave, sia in regular season che in questo weekend conclusivo. In ottica Nazionale attenzione soprattutto a Chiara Vincenzi e Manila Esposito.

Un bel plauso a Viola Pierazzini, classe 2007 del Giglio Montevarchi. L’unica ragazza capace di vincere uno scontro diretto e di togliere l’en-plein alla Brixia. Alice D’Amato cade alle parallele, la toscana ottiene 13.050 e ottiene il successo parziale: soddisfazione non da poco.

La menzione di giornata vogliamo darla ad Alessia Ceccarelli: è una classe 2008, schierata alla trave dalla Ginnastica Civitavecchia. Non si è emozionata, ha eseguito un esercizio pulito e ha ottenuto un 12.500, chiudendo al secondo posto nel suo triello. A 12 anni era tutt’altro che semplice.

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto LM-LPS/Filippo Tomasi

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket, Serie A 2020-2021: colpaccio di Varese, soffre Brindisi. Vince anche Cantù

Ginnastica, la Brixia Brescia diventa grande: 18 scudetti, è la Nazionale Italiana. Fate Cannibali, squadra… olimpica