Ciclismo, Davide Cassani: “Ganna ha dato coraggio ai giovani. Italia un riferimento su pista. E Spresiano…”

Ospite di Sport2Day (il nuovo notiziario sportivo di OA Sport, presente anche sulla webtv Sport2U, OA Plus e tutti i canali social, in onda tutti i giorni da lunedì a venerdì alle 18.25), lunedì 16 novembre 2020, Davide Cassani, CT della Nazionale italiana di ciclismo, ha stilato il bilancio degli Europei su pista in Bulgaria, parlando poi anche di Ganna, Viviani, del ritorno di Paternoster, del velodromo di Spresiano e molto, molto altro.

Questi alcuni passaggi significativi dell’intervista, che potete gustarvi integralmente nel video sottostante: “Sono stati tutti bravi, sia i ragazzi che le ragazze. Siamo la Nazione che ha chiuso con più medaglie a livello numerico, di cui tre d’oro. E non avevamo  corridori del calibro di Filippo Ganna, per esempio. Alla fine siamo comunque riusciti a fare delle buone cose e oltretutto andando in Bulgaria con due Nazionali molto giovani.  Fidanza ha 21 anni, Balsamo 22, Guazzini 19. E’ importante, vuol dire che il futuro della nostra pista è in buone mani. I risultati di Ganna e Viviani sono stati importantissimi negli ultimi 5-5 anni: i giovani hanno capito che anche attraverso la pista si possono ottenere risultati importanti e poi fare bene pure su strada. E’ vero, qualche nazione importante mancava in Bulgaria, ma le prestazioni dei nostri azzurri sono state comunque di altissimo livello. Milan nell’inseguimento individuale ha migliorato di 2″ quel tempo di febbraio che gli permise di conquistare un 4° posto al Campionato del mondo in cui c’erano tutti. Tanto per dirne una. Le ragazze hanno battuto  russe e inglesi per vincere delle medaglie d’oro e le nazioni citate sono le più forti al mondo. Villa e Savoldi stanno facendo un lavoro notevole, da anni investono sulla pista e i risultati ci danno ragione. Nelle prove ‘endurance’ siamo tra i migliori al mondo ormai, possiamo dirlo. Almeno in quelle. E poi tutti hanno corso con coraggio, non passivamente, ma sempre all’attacco. Paternoster sta molto meglio, in questi giorni sarà in allenamento a Montichiari e ritornerà alle corse non appena si gareggerà di nuovo. Spresiano? Ci siamo, siamo in dirittura d’arrivo e quanto prima dovrebbero riprendere i lavori. Abbiamo bisogno di velodromi coperti. Per tanto anni non abbiamo avuto un velodromo coperto e risultati si sono visti; 9 anni fa è tornato l’impianto di Montichiari e guarda caso poco dopo sono arrivati anche i risultati. Ecco, se invece di averne uno, ne avremo due, andrà ancora meglio. La pista è una scuola di ciclismo vera e propria”. 

LA VIDEO INTERVISTA INTEGRALE A DAVIDE CASSANI INIZIA AL MINUTO 22

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Twitter: @gianmilan76

Mail: gianmario.bonzi@gmail.com

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Lewis Hamilton e il rinnovo con la Mercedes: incontro con Toto Wolff prima di Abu Dhabi

Volley, Addio al fratello di Jack Sintini: Tommaso, centrale di Bologna e Ravenna nei primi anni 2000