Basket femminile, Serie A1: 8a giornata, Venezia difende la leadership a Sassari. Schio con Mestdagh

Sono sei le partite che si disputeranno nell’ottava giornata della Serie A1, di ritorno dopo la pausa dovuta alle bolle per le qualificazioni agli Europei del 2021, con l’Italia che ha colto due vittorie molto importanti sulla strada verso Valencia e Strasburgo. Soltanto uno il rinvio, quello tra Allianz Geas Sesto San Giovanni e Passalacqua Ragusa, che dovrebbe anche essere l’ultimo per entrambe le squadre visto il generale miglioramento della situazione contagi da Covid-19 da ambo le parti.

LA MOLISANA MAGNOLIA CAMPOBASSO-VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA (Sabato 21 novembre, ore 18:00)
Lo spogliatoio di Campobasso, già con notevoli connotati di infermeria nelle scorse settimane, si è trasformato negli ultimi giorni in una specie di lazzaretto. Già priva di Kyara Linskens per quattro mesi e di Samantha Ostarello per tre settimane (quadricipite, problema occorso nella bolla di Riga), la Magnolia deve fare a meno anche di Julie Wojta (ancora almeno una settimana ai box), Valentina Bonasia e Ashley Egwoh, che si sono bloccate in allenamento e verranno sottoposte a esami in tempi brevi. In più, Matea Nikolikj è bloccata in Macedonia del Nord perché al momento, per la normativa italiana anti-Covid-19, non può viaggiare verso il nostro Paese. La situazione diventa così molto sbilanciata a favore della Virtus Bologna, che non ha avuto particolari problemi in questo periodo e ha visto Ana-Marija Begic rientrare dagli impegni con la sua Croazia: l’obiettivo è quello dela settima vittoria e del mantenimento del secondo posto insieme a Schio.

DINAMO SASSARI-UMANA REYER VENEZIA (Sabato 21 novembre, ore 18:30)
Una delle sfide più sentite del settore maschile sbarca nel femminile, con Sassari che torna in campo dopo 28 giorni e tanti rinvii provocati da numerose positività al Covid-19 all’interno della squadra e dello staff tecnico, compreso il coach Antonello Restivo. Venezia, tra Italia e altre selezioni nazionali, ha visto partire ben nove giocatrici per le varie bolle; al ritorno non ha trovato Giampiero Ticchi, contagiato dal coronavirus e in isolamento. Per questo motivo, sarà la coppia formata da Massimo Romano e Juan Pernias Escrig a farne le veci. Al PalaSerradimigni la Dinamo cerca un colpo che avrebbe del sensazionale, dato che la Reyer è prima e imbattuta fino a questo momento, con la sola Schio in grado di contenere il distacco fino a questo momento.

DONDI MULTISTORE VIGARANO-LIMONTA COSTA MASNAGA (Sabato 21 novembre, ore 18:30)
Sono passati 35 giorni dall’ultima volta in cui Vigarano è scesa in campo, condizionata non da propri casi di Covid-19, ma dai rinvii richiesti dalle squadre che si sono ritrovate con questa problematica da dover fronteggiare. Al recupero della non più infortunata Macarena Rosset si aggiunge l’arrivo di Elena Bestagno, cugina della veneziana Martina e che, nelle ultime tre stagioni, aveva giocato a Namur, in Belgio. Anche Costa Masnaga ha potuto sfruttare la sosta per ridare al proprio roster una versione competitiva della guardia classe ’97 Jessica Kovatch. Vigarano ha assoluto bisogno di vincere per riuscire a togliersi dalla serie negativa senza neanche un successo nelle quattro partite giocate, mentre per la Limonta, che sta mettendo ancora una volta in mostra il talento giovane di Matilde Villa e non solo, c’è la possibilità di tenersi in quella zona playoff che sembrava, a inizio annata, più un miraggio che altro.

USE SCOTTI ROSA EMPOLI-O.ME.P.S. BRICUP BATTIPAGLIA (Domenica 22 novembre, ore 18:00)
Le toscane affrontano l’altra squadra ancora a secco di vittorie in quest’annata, complici anche alcuni problemi di infortuni che non sono stati particolarmente benevoli nei confronti delle campane. Le notizie dall’infermeria, però, sono buone: Amber Melgoza dovrebbe essere sulla via del rientro, mentre l’esperta ala classe ’87 Danielle McCray sta completando il suo percorso di inserimento all’interno della squadra ora allenata da Roberto Paciucci, che nel frattempo è stato promosso a capo allenatore dopo l’uscita di scena di Giuseppe Piazza. Empoli è a ranghi completi, avendo ritrovato anche l’unica giocatrice impegnata nelle bolle, la lunga Nina Premasunac, che era con la Croazia. Particolare importante: l’USE Scotti Rosa non ha ancora perso una partita in casa fino a questo momento.

FAMILA WUBER SCHIO-GESAM GAS E LUCE LE MURA LUCCA (Domenica 22 novembre, ore 18:00)
Per tutto il periodo dal 2013 al 2017 è stato questo il grande duello del campionato italiano, con diverse finali scudetto, l’ultima delle quali vinte dalle toscane. Oggi la situazione è totalmente diversa, ma potrebbe ancora prospettarsi un match di interesse per tanti motivi. Schio ha perso Natasha Cloud, ripartita per gli Stati Uniti, ma ha trovato in un’altra campionessa WNBA con quelle stesse Washington Mystics versione 2019, Kim Mestdagh, una più che valida sostituta soprattutto per la proiezione Eurolega. Entrambe le squadre hanno visto tornare dalle bolle di qualificazione europea diverse giocatrici: quattro per il Famila, Laura Spreafico in quota Italia e la lunga Ivana Jakubcova in quota Slovacchia per il Basket Le Mura. Si avvera l’incontro-scontro tra Giorgia Sottana e una delle giocatrici per cui lei ha dichiarato pubblica stima, la classe 2001 Alessandra Orsili.

PF BRONI 93-FILA SAN MARTINO DI LUPARI (Domenica 22 novembre, ore 18:00)
La si potrebbe definire la sfida delle giovani, perché sono tante le giocatrici in rampa di lancio sia da una parte che dall’altra, pur coordinate da personalità di grande esperienza, tra le quali spicca per le ospiti in giallonero l’ex Schio e Venezia Jolene Anderson. Per ora la partenza delle Lupe non è stata come quella delle annate scorse, a causa delle sole due vittorie fino a questo momento; meglio non va a Broni, che è ugualmente a quota 4 punti ed è oltretutto rimasta per tutto il tempo senza Lynette Kizer, che avrebbe dovuto fare la differenza sotto canestro, ma che risulta sulla via del rientro. Sarà un periodo particolare per San Martino di Lupari, perché il 25 dovrà anticipare l’impegno con Schio a causa della necessità del Famila di viaggiare verso la bolla di Eurolega a Girona. Curiosità statistica: per Broni, con 20/20 fino a oggi, Sara Madera è la miglior realizzatrice dalla lunetta della Serie A1.

federico.rossini@oasport.it

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL BASKET

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credit: Ciamillo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Roberto Mancini guarito dal Covid-19. Il CT dell’Italia: “Sono negativo, l’ho saputo oggi”

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Feeling con la moto è migliorato. Dobbiamo capire le gomme”