Basket, Euroleague 2020-2021: Vittorie di misura per Real Madrid, Efes Istanbul, Monaco e San Pietroburgo

Quattro partite si sono disputate in questo venerdì di Eurolega, e sui parquet del Vecchio Continente ha dominato l’equilibrio, con tutte le sfide che si sono decise negli ultimi minuti.

STELLA ROSSA BELGRADO-REAL MADRID 67-73 (26-21, 42-36, 53-59)
Si impone in rimonta il Real Madrid in un vero e proprio spareggio che si giocava a Belgrado. Parte meglio la Stella Rossa, che nei primi minuti scappa via fino al 21-8, ma a quel punto arriva la prima scossa spagnola, con un parziale di 11-0 che riapre tutto e Belgrado che va al primo stop avanti 26-21. Continua a fare la parte della lepre la squadra di casa anche nel secondo quarto, anche se non riesce mai a scappare via e si va al riposo con la Stella Rossa avanti 42-36. Ma è il terzo quarto a cambiare le sorti del match. Un parziale di 18-2 porta il Real Madrid avanti, con Anthony Randolph protagonista e si va all’ultimo stop con gli ospiti avanti 53-59. Prova a reagire Belgrado nell’ultimo quarto, riesce ad andare a +1 a quattro minuti dalla fine, ma cinque punti consecutivi di Thompkins chiudono il discorso e il Real Madrid espugna Belgrado.
TOP SCORER
BELGRADO – Loyd 22, Walden 16, O’Bryant 7
MADRID – Thompkins 14, Randolph 13, Carroll, Llull 9

PANATHINAIKOS ATENE-EFES ISTANBUL 77-80 (22-21, 40-36, 54-59)
Scappa via nella ripresa l’Efes Istanbul, che espunga il campo di Atene grazie a un terzo quarto perfetto e solo nel finale rischia la rimonta da parte del Pana. Parte meglio il Panathinaikos, che con una tripla di Sant-Roos trova il massimo vantaggio sul +4, ma chiude i primi 10 minuti avanti solo 22-21. Una tripla di Shelvin Mack dà il +6 ai padroni di casa, con l’Efes costretto costantemente a inseguire e una tripla di Micic nel finale fissa il punteggio all’intervallo sul 40-36 per i padroni di casa. Ma, come detto, il secondo tempo cambia tutto. O meglio, da metà terzo quarto, quando ancora Micic mette un canestro dalla distanza e dà il primo sorpasso per i turchi. Ed è sempre Micic il protagonista, con un’altra tripla e due liberi che portano i suoi punti personali a 29 nei primi 30 minuti, ma soprattutto portano le due squadre all’ultimo break con l’Efes avanti 59-54. Allunga a +10 la squadra ospite nei primi minuti dell’ultimo quarto, poi il Pana cerca di rientrare in partita, arrivano fino al -2 a 5 secondi dalla fine. Ma il libero di Moerman obbliga Papapetrou a un disperato tiro da tre allo scadere che non va.
TOP SCORER
ATENE – Mack 18, Papagiannis 16, Papapetrou 12
ISTANBUL – Micic 33, Simon 12, Balbay 9

BAYERN MONACO-VALENCIA 90-79 (21-18, 37-39, 62-60)
Vince il Bayern Monaco e allunga in seconda posizione, ma soffre fino alla fine contro un Valencia che non molla mai. Prova subito a scappare via il Valencia in Germania, con un primo parziale di 2-9, cui però risponde subito il Bayern, che con un 8-0 si porta in vantaggio. Sono bloccati gli spagnoli, che non trovano la via del canestro e il Monaco allunga fino al 18-11, prima che la tripla di San Emeterio sblocchi gli ospiti, che comunque vanno al primo stop sotto per 21-18. Più equilibrio globale nel secondo quarto, con le due squadre che rispondono colpo su colpo, senza fughe improvvise in avanti e si va al riposo con il Valencia avanti 37-39. Non cambia troppo la musica nella prima metà del terzo quarto, con gli ospiti che toccano il +5 e i tedeschi che rispondono con una tripla di Weiler-Babb e Zipser per il controsorpasso. Nel finale di tempo è il Bayern a provare l’allungo, ma il Valencia risponde e si va all’ultima pausa sul 62-60. Tutto, dunque, da decidere negli ultimi 10 minuti, con i tedeschi nel ruolo della lepre e gli spagnoli a caccia del pareggio. Pareggio che arriva a tre minuti dalla fine, anche se è nuovamente Zipser a rilanciare la fuga del Monaco. E il Bayern proprio nel finale allunga deciso, con un parziale di 11-2 negli ultimi due minuti che vale la vittoria.
TOP SCORER
MONACO – Lucic 22, Zipser 20, Johnson 17
VALENCIA – Prepelic 18, Dubljevic 12, Kalinic 10

ASVEL VILLEURBANNE-ZENIT SAN PIETROBURGO 53-66 (11-12, 21-28, 37-44)
Vince lo Zenit San Pietroburgo, ma soffre tantissimo in Francia per avere la meglio del Villeurbanne. Anzi, nel primo quarto sono i padroni di casa a portarsi avanti e a cercare di gestire un vantaggio minimo che sparisce solo negli ultimi secondi, con i russi che vanno al primo riposo avanti 12-11. Allunga lo Zenit a inizio secondo quarto, tocca anche il +6 nei primi minuti, con il Villeurbanne che risponde, ma i russi riaccelerano, vanno sul 19-28 e chiudono il primo tempo avanti di sette punti. Resta l’equilibrio anche nel terzo quarto, con gli ospiti che gestiscono il vantaggio, mentre i francesi provano a rientrare in partita, restando però a distanza di sicurezza. E l’equilibrio resta fino a poco meno di tre minuti dalla fine, con lo Zenit avanti 53-56. Ma qui si spegne il Villeurbanne, vola San Pietroburgo, che con un parziale di 10-0 chiude il discorso e vince.
TOP SCORER
VILLEURBANNE – Kahudi 14, Fall 10, Lighty 10
SAN PIETROBURGO – Thomas 14, Poythress 12, Ponitka 9

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI BASKET

duccio.fumero@oasport.it

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credits: Ciamillo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Europei ciclismo su pista 2020, Dino Salvoldi: “Correre alla pari con la Gran Bretagna vuol dire che siamo una squadra forte”

Tennis: Jannik Sinner, la finale dell’ATP Sofia 2020 con Pospisil su Rai2 come segnale forte