Vuelta a España 2020, tutti gli italiani in gara. Formolo per la generale, Mareczko e Moschetti puntano alle volate

Sarà una Vuelta a España 2020 molto particolare quella che prenderà il via domani, 20 ottobre, da Irun. La collocazione in calendario, in concomitanza con l’ultima settimana del Giro d’Italia, ha fatto si che molti ciclisti rinunciassero alla corsa in terra iberica. Il contingente italiano sarà ridotto al minimo con soli sei corridori al via.

Per quanto concerne la classifica generale l’unico che potrebbe puntare ad un piazzamento nella top 10 è Davide Formolo. Il corridore della UAE Team Emirates, al rientro dopo la frattura della clavicola subita al Tour de France, proverà a stupire tutti andando a caccia di un buon piazzamento nella generale o magari, se le cose strada facendo si dovessero complicare, punterà ad un successo di tappa. Il veneto in carriera è riuscito a concludere per due volte al 10° posto al Giro d’Italia, nel 2017 e nel 2018, ed una volta in nona piazza alla Vuelta a España 2016.

Al suo fianco avrà, tra gli altri, anche un altro azzurro: si tratta del giovanissimo Alessandro Covi. Il 22enne nativo di Borgomanero potrebbe tornare estremamente utile a Formolo soprattutto in quelle frazioni con un finale movimentato, vista la sua capacità di tenere sugli strappetti. Farà parte del contingente italiano alla Vuelta a España 2020 anche Jakub Mareczko. Il velocista della CCC andrà a caccia del primo successo in una grande corsa a tappe e chissà che in questa annata molto particolare non possa sbloccarsi. Cercherà di mettersi in luce tra le ruote veloci anche Matteo Moschetti, che in questo 2020 ha già ottenuto due vittorie al Trofeo Felanitx e al Trofeo Playa de Palma.

Andrea Bagioli arriva a questa Vuelta a España con un solo compito, quello di stupire. Il 21enne nativo di Sondrio ha mostrato di poter contare su doti fisiche importanti, non a caso è stato uno dei titolari dell’Italia che ha partecipato ai Mondiali 2020 a Imola. Il suo obiettivo principale sarà quello di conquistare una tappa e fare esperienza. Potrà contare sul supporto di Mattia Cattaneo, che cercherà con la sua Deceuninck-QuickStep di ben figurare, così come fatto nelle altre due grandi corse a tappe di quest’anno.

Infine impossibile non citare Enrico Gasparotto, che con i suoi 38 anni sarà uno dei più esperti al via. Il friulano dal 2019 ha ottenuto la nazionalità svizzera, ma ha corso per oltre 14 anni sotto la bandiera italiana. Difficile ipotizzare una Vuelta a España 2020 con azzurri protagonisti, ma gli appassionati del Bel Paese potranno lasciarsi stupire soprattutto dal talento dei più giovani.

salvatore.serio@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci alpino: Sölden, Bassino può puntare alla coppa di gigante. Nuova era al maschile

Rugby, ranking mondiale aggiornato (19 ottobre 2020): Italia 14ma con gli uomini. Le donne restano quinte