Vuelta a España 2020, le pagelle della seconda tappa: Marc Soler merita il dieci, Carapaz dà spettacolo, ma Roglic guadagna ancora con gli abbuoni

Marc Soler della Movistar si impone nella seconda tappa della Vuelta a España 2020, la Pamplona-Lekunberri. Il corridore catalano ha preceduto, grazie a un assolo in discesa, un pugno di uomini di classifica regolati dalla maglia roja Primoz Roglic davanti a Daniel Martin. Richard Carapaz ha provato più volte ad attaccare, ma i suoi affondi non hanno sortito effetti. Di seguito andiamo a dare i voti ai protagonisti della Vuelta con le nostre pagelle.

LIVE Vuelta a Espana 2020, Lodosa-La Laguna Negra in DIRETTA: Daniel Martin beffa Roglic e Carapaz in volata

LE PAGELLE DELLA SECONDA TAPPA DELLA VUELTA 2020

MARC SOLER (MOVISTAR) VOTO 10: lavora in modo egregio per i Valverde e Mas in salita e sulla sua ruota restano appena un pugno di corridori. In discesa ci prova in prima persona e nessuno lo segue. Pian piano riesce a costruire un margine di sicurezza nei confronti del gruppo maglia rossa e conquista una tappa meritatissima.

RICHARD CARAPAZ (INEOS) VOTO 8: attacca sia prima della salita che sulla salita, ove sembra in assoluto il più brillante. Per ora non è riuscito a fare il vuoto, ma ha una grande gamba e sta correndo in modo spettacolare.

PRIMOZ ROGLIC (JUMBO-VISMA) VOTO 7: anche oggi non sembra forte in salita come al Tour de France, ma i rivali non riescono a staccarlo. In volata, invece, ha sempre una marcia in più e guadagna altri sei secondi di abbuono.

DANIEL MARTIN (ISRAEL-START UP) VOTO 7: pimpante oggi come ieri e nello sprint per la seconda posizione arriva dietro solo a Roglic, guadagnando quattro secondi di abbuono sul resto della concorrenza. Era da molto tempo che non andava così forte.

ENRIC MAS (MOVISTAR) VOTO 6,5: in salita, oggi, è sembrato un po’ meno forte rispetto a ieri. Sull’attacco di Carapaz prima dello scollinamento dell’Alto de San Miguel ha ceduto qualche metro. Ad ogni modo, a fine giornata non ha perso nulla, se non una manciata di secondi di abbuono, dai rivali per il successo finale.

HUGH CARTHY (EF PRO CYCLING) & ESTEBAN CHAVES (MITCHELTON-SCOTT) VOTO 6,5: si difendono bene in salita e arrivano nel plotoncino di Roglic. Ambedue, al momento, stanno andando forte.

ALEJANDRO VALVERDE (MOVISTAR) VOTO 6: in salita va molto meglio di ieri e resta con il gruppo maglia rossa. Nella volata per gli abbuoni, però, si dimostra spuntato come non mai e non riesce a concludere la tappa in top-3.

ANDREA BAGIOLI (DECEUNINCK-QUICK STEP) VOTO 6,5: l’azzurro resta a lungo coi migliori sull’Alto de San Miguel, prima di mollare a circa un paio di chilometri dallo scollinamento. Dopo il decimo posto di ieri, oggi chiude undicesimo. Sicuramente un ottimo inizio il suo.

FELIX GROSSSCHARTNER (BORA-HANSGROHE) VOTO 5,5: ieri era stato la grande sorpresa, oggi, invece, perde un minuto dai più forti. Non un bel segnale quello lanciato dall’austriaco uomo di classifica della Bora.

TOM DUMOULIN (JUMBO-VISMA) VOTO 4: crolla totalmente e finisce a oltre otto minuti da Soler. Da domani non potrà far altro che lavorare, nuovamente, per Roglic.

luca.saugo@oasport.it

Twitter: @LucaSaugo

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Giro d’Italia 2020: Vincenzo Nibali, c’è lo Stelvio per dare l’assalto al podio. Ma Hindley e Geoghegan Hart sono solidi

Giro d’Italia 2020: Kelderman risponde in prima persona all’allungo di Hindley. Schermaglie in casa Sunweb