Vuelta a España 2020, Andrea Bagioli e Davide Formolo a 1′ da Roglic. Gli italiani puntano alla top-10

È partita veramente col botto questa Vuelta a España 2020, che oltre al sigillo di Primoz Roglic, vincitore uscente della grande corsa a tappe spagnola e nuovamente a segno nella giornata inaugurale di oggi, ha regalato i primi sconquassi tra i big che punteranno alla classifica generale. Parlando di Casa Italia però, nonostante la presenza di soli cinque italiani, Andrea Bagioli (Deceuninck-Quick Step) e Davide Formolo (UAE Team Emirates) si sono già messi in mostra, giungendo al traguardo dell’Alto de Arrate a soli 51″ da Roglic, rispettivamente al decimo e diciassettesimo posto.

Parte benissimo dunque la piccola spedizione azzurra in terra iberica, che in una sola giornata ha già fatto capire che riesce a difendersi anche sotto la morsa di uomini più attrezzati, con cinque uomini e due possibili leader delle generale giovani ma molto attenti. La Deceuninck non sta affatto stupendo, visto che sta dominando il Giro con Joao Almeida. E oggi Bagioli è arrivato al pari di molti big, lasciandosi dietro anche due campioni del calibro di Alejandro Valverde e Tom Dumoulin. Formolo invece, ha già fatto vedere che è arrivato in terra iberica con grandi obiettivi e ambizioni, pur avendo subito di recente una delicata operazione alla clavicola. In tempi record è tornato ad allenarsi, per poi volare in Spagna e cercare il riscatto stagionale capitanando la UAE Team Emirates.

Non avranno a disposizione due formazioni al livello della Jumbo-Visma e della Ineos Grenadiers, ma siamo certi che faranno di tutto per difendersi al meglio. Date le loro doti, le loro qualità, la loro freddezza e mentalità, la top ten non è un sogno poi così lontano. Siamo solo alla prima tappa, ma con soli cinque azzurri in gara, puntare ai primi dieci posti, in un bel branco di leoni, sarebbe un bellissimo regalo per onorare al meglio il movimento azzurro nell’ultima grande corsa a tappe dell’anno.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

lisa.guadagnini@oasport.it

Twitter: @lisa_guadagnini

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram

Clicca qui per mettere Mi piace alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: © Sigrid Eggers | Deceuninck – Quick-Step Cycling Team

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tennis, WTA Ostrava 2020: avanzano Cori Gauff ed Ons Jabeur, fuori Donna Vekic

Vuelta a España 2020, Tom Dumoulin: “Sono un po’ stanco, ma darò il massimo”