Tennis, ATP Nur-Sultan 2020: bene Tiafoe, Albot, Paul e Verdasco. Subito fuori Travaglia

Si è aperto oggi il torneo ATP Nur-Sultan 2020 in Kazakistan. Subito eliminato il primo azzurro a scendere in campo: si tratta di Stefano Travaglia, sconfitto in due set da Tommy Paul, testa di serie numero 7. Lo statunitense è stato capace di imporsi in poco più di un’ora e mezza con il punteggio di 7-6 (2) 6-3. Il marchigiano ha sofferto la capacità in uscita dal servizio dell’americano, non riuscendo da par suo a trovare le contromisure nel proprio turno di servizio e mettendo a segno pochi punti con la seconda, solo il 43%.

Il tennista a stelle e strisce al prossimo turno affronterà Radu Albot, che a sua volta ha sconfitto nel match d’esordio l’atleta di casa Dmitry Popko. Il moldavo, dopo aver perso il primo set 4-6, è stato bravo a ribaltare la situazione imponendosi nei successivi due parziali con il medesimo risultato. Bravo Fernando Verdasco, che ha superato 6-4 7-6 (5) l’australiano James Duckworth. Per l’esperto tennista spagnolo un impegno tutt’altro che agevole nel quale è riuscito a districarsi bene, mettendo in campo le sue qualità tecniche oltre che caratteriali.

Sfida molto meno complessa quella che ha visto trionfare Frances Tiafoe contro il francese Corentin Moutet. Il giovane statunitense, dopo essersi imposto nel primo set 6-3, ha controllato nel parziale successivo, chiuso con un netto 6-2. A conclusione della prima giornata del torneo ATP Nur-Sultan 2020 il successo in rimonta dell’australiano Jordan Thompson, che, dopo essere andato sotto 5-7, ha ribaltato la situazione rifilando al britannico Cameron Norrie un pesante 7-6 (6) 6-2.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DEL TENNIS

salvatore.serio@oasport.it
Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket, Champions League 2020-2021: Fortitudo Bologna, esordio col Bamberg

Ciclismo, Luca Guercilena su Vincenzo Nibali: “Sarà fondamentale per la Trek-Segafredo nella prossima stagione”