Superbike: Scott Redding è il più rapido nei test di Estoril, bene Rinaldi all’esordio con la Ducati ufficiale

È cominciato ufficialmente ieri il lungo percorso di avvicinamento al Mondiale Superbike 2021, con una giornata di test all’Estoril che ha visto il debutto assoluto di due azzurri nei loro rispettivi nuovi team per la prossima stagione. Stiamo parlando di Michael Ruben Rinaldi, passato dal team indipendente GoEleven a quello ufficiale della Ducati, e Andrea Locatelli, promosso da Yamaha direttamente nella squadra ufficiale dopo aver dominato quest’anno il Mondiale Supersport (sempre vestendo i colori della casa di Iwata). Purtroppo il maltempo ha condizionato questa giornata di test, con la pioggia che ha messo la parola fine all’attività in pista con qualche ora di anticipo rispetto alle previsioni.

C’è stato comunque tempo specialmente al mattino di girare sull’asciutto e di raccogliere dati interessanti in vista del 2021. Scott Redding, vice-campione del mondo, ha stampato il miglior tempo con la Ducati V4 del Team Aruba confermandosi estremamente veloce e competitivo sulla pista portoghese. Buona la prima con il team ufficiale Aruba per il riminese Michael Ruben Rinaldi, 3° a fine giornata a mezzo secondo di ritardo dal suo nuovo compagno di squadra britannico. Ottimo lavoro anche da parte dell’inglese Alex Lowes, 2° in 1’36″581 (a quattro decimi dalla Superpole di Razgatlioglu sabato scorso) nel tentativo di migliorare il set-up di base della Kawasaki.

Alle spalle dei primi tre si sono inseriti i piloti BMW con l’esperto britannico Tom Sykes 4° e l’olandese Michael Van der Mark 5°, anche se quest’ultimo era all’esordio con la casa tedesca dopo aver trascorso le ultime stagioni in Yamaha. 6° posto assoluto ieri per Andrea Locatelli, che ha sfruttato al meglio la possibilità di cominciare a prendere confidenza con la nuova moto del Team Pata Yamaha in vista del suo anno da rookie in Superbike. Assente Jonathan Rea, dopo aver conquistato lo scorso weekend il sesto titolo iridato consecutivo.

erik.nicolaysen@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Twitter Superbike

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tennis, fallita la petizione per intitolare il campo centrale dell’ATP di Basilea a Roger Federer

Ginnastica artistica, Serie A 2020: tutti i bonus e gli abbuoni della terza tappa. Le Fate fanno incetta