Superbike, GP Estoril 2020: Toprak Razgatlioglu domina la superpole race, grandi rimonte per Rea e Redding

Toprak Razgatlioglu (Yamaha) non si ferma più e vince anche la superpole race del Gran Premio di Estoril 2020, ultimo appuntamento del Mondiale Superbike. Il turco, scattato dalla pole position, non ha lasciato scampo ai rivali. Sul tracciato lusitano, infatti, è partito alla perfezione e non ha fatto altro che guadagnare margine sugli inseguitori. Alle sue spalle Jonathan Rea (Kawasaki) e Scott Redding (Ducati) si sono resi protagonisti di rimonte clamorose, ma i soli 10 giri previsti non hanno dato modo ai due britannici di puntare al podio.

La vittoria, la quinta in carriera, va quindi a Toprak Razgatlioglu che precede lo statunitense Garrett Gerloff (Yamaha) per 1.928 secondi, quindi completa il podio l’olandese Michael van der Mark (Yamaha) a 2.940, dopo una bella battaglia con il britannico Chaz Davies (Ducati) che si ferma a 4.074. Quinto posto finale per Jonathan Rea che, scattato dalla quindicesima casella, risale rabbiosamente nei primi giri fino a concludere a 4.745 secondi. Alle sue spalle Scott Redding (Ducati) che, addirittura, era ultimo in griglia. Settimo chiude lo spagnolo Alvaro Bautista (Honda) a 7.969 davanti al britannico Leon Haslam (Honda) a 11.835, mentre è nono il nostro Michael Ruben Rinaldi (Ducati) che chiude nono a 12.293 e vince il titolo del migliore pilota “indipendente”. Completa la top ten lo spagnolo Xavi Fores (Kawasaki) a 12.342. Si ferma in dodicesima posizione Federico Caricasulo (Yamaha) a 12.714 mentre è quindicesimo Matteo Ferrari (Ducati) a 22.349.

ORDINE DI ARRIVO SUPERPOLE RACE

1 54 RAZGATLIOGLU Toprak Yamaha YZF R1 LEAD LEAD 1’36.594 282
2 31 GERLOFF Garrett Yamaha YZF R1 1.928 +1.928 1’36.651 274
3 60 VAN DER MARK Michael Yamaha YZF R1 2.940 +1.012 1’36.642 269
4 7 DAVIES Chaz Ducati Panigale V4 R 4.074 +1.134 1’36.654 277
5 1 REA Jonathan Kawasaki ZX-10RR 4.745 +0.671 1’36.854 265
6 45 REDDING Scott Ducati Panigale V4 R 5.915 +1.170 1’36.648 272
7 19 BAUTISTA Alvaro Honda CBR1000RR-R 7.969 +2.054 1’37.139 271
8 91 HASLAM Leon Honda CBR1000RR-R 11.835 +3.866 1’37.473 269
9 21 RINALDI Michael Ruben Ducati Panigale V4 R 12.293 +0.458 1’37.406 265
10 12 FORES Xavi Kawasaki ZX-10RR 12.342 +0.049 1’37.491 264
11 66 SYKES Tom BMW S1000 RR 12.643 +0.301 1’37.443 267
12 64 CARICASULO Federico Yamaha YZF R1 12.714 +0.071 1’37.292 273
13 94 FOLGER Jonas Yamaha YZF R1 14.984 +2.270 1’37.415 274
14 36 MERCADO Leandro Ducati Panigale V4 R 22.177 +7.193 1’38.463 278
15 71 FERRARI Matteo Ducati Panigale V4 R 22.349 +0.172 1’38.223 262
16 50 LAVERTY Eugene BMW S1000 RR 22.581 +0.232 1’37.692 269
17 13 TAKAHASHI Takumi Honda CBR1000RR-R 27.889 +5.308 1’38.890 280
18 51 GRANADO Eric Honda CBR1000RR-R 29.975 +2.086 1’38.964 253
19 32 MORAIS Sheridan Kawasaki ZX-10RR 30.067 +0.092 1’38.942 257
20 84 CRESSON Loris Kawasaki ZX-10RR 50.259 +20.192 1’41.309 270
RT 76 BAZ Loris Yamaha YZF R1 1’37.582 258 258
RT 22 LOWES Alex Kawasaki ZX-10RR 224 224

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL MOTOMONDIALE

alessandro.passanti@oasport.it

Twitter: @AlePasso

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci alpino, Luca De Aliprandini: “La neve è molto bella e si può fare quello che si vuole”

Nuoto, ISL 2020: Benedetta Pilato, segnali da campionessa a Budapest. Due record italiani sbalorditivi