NASCAR Xfinity Series, Chase Briscoe si impone in Kansas

Chase Briscoe domina la scena in Kansas nella NASCAR Xfinity Series e vince per la nona volta in questo 2020, la prima in carriera in questo particolare ovale da un miglio e mezzo. Il #98 di casa Haas ha controllato la corsa mantenendo il comando per 159 dei 200 giri previsti, una superiorità che gli ha concesso di conquistare anche le prime due Stage.

Il giovane alfiere di casa Ford ha tagliato il traguardo con un secondo di margine su Daniel Hemric #8 e Ryan Sieg #39, il primo dei Playoffs drivers sotto la bandiera a scacchi. Ricordiamo che Briscoe, con il successo odierno, accede direttamente alla finale di Phoenix del prossimo sette novembre, la manifestazione che eleggerà il campione 2020.

La gara non ha riservato molte emozioni o fatti rilevanti ad eccezione di due incidenti che hanno coinvolto alcuni piloti dei Playoffs. Il primo, al giro 16. ha rovinato la prova di  Noah Gragson ed Austin Cindric. Quest’ultimo, campione della regular season, si è dovuto accontentare della 26° piazza, mentre Noah non ha potuto continuare la gara ed ha chiuso 36° posto.

Al termine della prima manifestazione del ‘Round of 8’ dei Playoffs della NASCAR Xfinity Series evidenziamo i problemi avuti anche da Ross Chastain, Justin Allgaier e Brandon Jones. I tre piloti, rispettivamente in pista con Kaulig Racing, Jr Motorsport e Joe Gibbs Racing, sono rimasti coinvolti in una spettacolare carambola avvenuta a meno di 30 giri dalla conclusione. Da sottolineare in questo incidente il cappottamento di Antony Alfredo, fortunatamente senza conseguenze.

Prossima tappa per la NASCAR Xfinity Series in Texas, terzultima prova della stagione.

LA CLASSIFICA FINALE NASCAR XFINITY SERIES

  1. Chase Briscoe (Ford)
  2. Daniel Hemric (Chevrolet)
  3. Ryan Sieg (Chevrolet)
  4. Justin Haley (Chevrolet)
  5. Austin Hill (Toyota)

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE SULLA NASCAR

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Superbike oggi, GP Portogallo 2020: orari superpole race e gara-2, tv, streaming, programma

Motocross oggi, GP Fiandre 2020 MXGP: orari, tv, programma, streaming con Antonio Cairoli