Giro d’Italia 2020, la salita dell’Etna ai raggi X. Caratteristiche e cosa aspettarsi dagli uomini di classifica

Al Giro d’Italia, oggi, è in programma il primo arrivo in quota, posto in cima all’Etna, il quale verrà affrontato da un versante inedito. L’ascesa misura 18,5 chilometri e nei primi 15 è abbastanza semplice. Il tratto iniziale ha una pendenza media del 5,1%, la quale si alza al 7% nel pezzo che va dal chilometro 3,5 al chilometro 12,7. Dopodiché, la strada spianerà per tre chilometri, ma ai -3 dall’arrivo c’è la deviazione verso Piano Provenza ove le pendenze schizzano all’insù. La media, in quel frangente, è dell’8,8%, ma si toccheranno punte anche del 13%.

LIVE Giro d’Italia 2020, Enna-Etna in DIRETTA: Thomas caduto nel trasferimento

Dato che l’Astana ha perso due pezzi del calibro di Miguel Angel Lopez e Alexander Vlasov, l’unica squadra che può veramente fare la parte del leone in salita è la Mitchelton-Scott. Un’ascesa come quella dell’Etna è perfetta per il capitano del sodalizio australiano Simon Yates. Il Folletto di Bury può partire negli ultimi due chilometri e levarsi tutti di ruota col suo folgorante cambio di ritmo. La Mitchelton, tuttavia, potrebbe decidere di muovere, prima dello strappo finale, due come Lucas Hamilton e Jack Haig, anziché usarli per fare un “trenino” in salita. Questo metterebbe particolarmente in difficoltà gli altri team, i quali, se non vorranno lasciare spazio a corridori insidiosi, dovranno portare Yates in carrozza fino al terreno a lui più congeniale.

Gli altri uomini di classifica, da Nibali a Thomas, passando per Kruiswijk, Kelderman e Fuglsang, correranno, verosimilmente, sulla difensiva. L’unico che potrebbe muoversi prima del finale, data la sua situazione disastrosa in classifica generale, è Rafal Majka. Yates, comunque, di recente ha dimostrato di stare benissimo sul Sassotetto alla Tirreno-Adriatico, ove ha staccato pesantemente tutti quanti, e su un’ascesa su misura per le sue caratteristiche non c’è nessuno che non sia spaventato da lui.

Non cedergli nemmeno un secondo, oggi, sarebbe un ottimo risultato per i nomi citati. Thomas, tra l’altro, dovrebbe avere l’interesse a portare la gara ad uno sprint. Con il vantaggio che si è già costruito durante la cronometro palermitana, non ha bisogno di levarsi di ruota gli altri, ma in caso di volata ristretta può incrementare lo stesso il suo bottino con gli abbuoni.

Ad ogni modo, la frazione non sarà ristretta agli atleti sopraccitati. Ci sono tanti giovani che scalpitano e che potrebbero sorprendere, dal norvegese Tobias Foss allo statunitense Brandon McNulty, passando per il portoghese Joao Almeida che, al momento, sembra uno dei più in forma del plotone. Su un arrivo del genere, inoltre, data la gamba palesata ieri ad Agrigento, non va scartato nemmeno il nome di Diego Ulissi. Il toscano ha già vinto, in carriera, su salite lunghe. Ricordiamo, ad esempio, il suo trionfo a Montecopiolo, davanti a gente come Quintana e Aru, al Giro d’Italia del 2014.

luca.saugo@oasport.it

Twitter: @LucaSaugo

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

NBA Finals 2020, gara 3: un epico Jimmy Butler regala ai Miami Heat il primo successo sui Lakers

NFL 2020-2021 (4a settimana): ancora imbattuti Seahawks e Bills, cadono Bears, Cowboys e 49ers