Giro d’Italia 2020, Joao Almeida all’attacco! La maglia rosa guadagna 2”, ma resisterà sulle montagne?

Il traguardo di San Daniele del Friuli ha regalato un piccolo guizzo da parte della maglia rosa Joao Almeida, scattato tutto solo sulla rampa finale del Muro di via Sottomonte, dove ha cercato di anticipare tutti i big sia per non incappare in qualche imboscata, e poi per metterli alla prova. Alla fine il giovane portoghese non ha guadagnato chissà quanto, soltanto 2″ sul diretto avversario Wilco Kelderman, che però oggi è apparso un po’ distratto rispetto al compagno di squadra Jai Hindley.

Fresco, pimpante fino all’arrivo, il capitano della Deceuninck-Quick Step Almeida ha tirato fuori una grinta tale da far comprendere a tutti quanti che quella maglia rosa vuole tenersela ben stretta fino a Milano, che il sogno del Trofeo senza fine non è poi così lontano, che non è leader della corsa da ben quattordici giorni così a caso e, soprattutto, ha con sé una squadra veramente forte ed attenta. 

L’unico problema è che domani ci sarà il primo vero tappone alpino di questo Giro, con arrivo a Madonna di Campiglio. Prima però il gruppo dovrà attraversare Forcella Valbona, il Monte Bondone, e il Passo Durone. In questa 17ma tappa capiremo tanto della condizione di Almeida lungo le salite più lunghe di questa Corsa Rosa, visto che domenica non è riuscito a reggere il ritmo del duo della Sunweb formato da Kelderman e Hindley. Però c’è da dire che non ci troveremo ancora su una delle tappe decisive di questo Giro 2020, perché il Bondone è troppo lontano dal traguardo per fare sconquassi, e si deciderà tutto sulla salita finale che è pedalabile e che potrebbe esaltare proprio Almeida.

Il problema saranno le frazioni dei Laghi di Cancano e quella del Sestriere, che segneranno pesantemente le sorti dei corridori. Finora però Joao non si è mai fatto prendere dalla pressione, dall’ansia, dal peso della maglia che indossa: come un grande veterano ha saputo controllare e controllarsi. Poi è ovvio, forse oggi ha voluto esagerare. Alla fine è un ragazzo che ama alimentare la corsa appena può, ma che conosce anche l’importanza del ruolo che gli è stato affidato. Questi saranno i giorni della verità e della maturità del giovane campioncino portoghese. Guai a sottovalutarlo.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

lisa.guadagnini@oasport.it

Twitter: @lisa_guadagnini

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram

Clicca qui per mettere Mi piace alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Giro d’Italia 2020, niente neve sullo Stelvio. Rischio Colle dell’Agnello, temperature vicine a 0 °C. Previsioni meteo per le tappe di montagna

Pattinaggio di figura, Grand Prix 2020-2021: i favoriti delle coppie. Sui-Han protagonisti in Cina, battaglia stellare in Russia