Ciclismo, Liegi-Bastogne-Liegi femminile: favoloso successo di Elizabeth Deignan. Soraya Paladin 15ma è la migliore azzurra

Favoloso successo di Elizabeth Deignan (Trek Segafredo) alla Liegi-Bastogne-Liegi femminile. La ciclista britannica ha portato a termine un’azione in solitaria incredibile e ha trionfato meritatamente nella Decana in rosa. Alle sue spalle Grace Brown (Mitchelton Scott) Ellen van Dijk (Trek Segafredo).

Gara molto dura sin dai primi chilometri anche se il primo attacco arriva nell’ascesa verso la Cote de la Vecquée con otto cicliste che si avvantaggiano. Fanno parte del plotoncino, oltre alle tre sopracitate anche Labous (Sunweb), Pieters (Boels- Dolmas), Aalerud (Movistar Team) Vos (CCC Liv), Barnes (Canyon Sram) e Reusser (Paule Ka). Le fuggitive nel giro di pochi chilometri allungano in maniera determinante sul gruppo.

A circa 30 km dal traguardo Deignan attacca in solitaria sulla Cote de la Redoute e fa il vuoto. Le sue ex compagne di avventura si mettono all’inseguimento senza, però, mai trovare l’accordo giusto. Il ritmo tenuto dalla britannica è insostenibile per le avversarie tanto che il vantaggio della ciclista della Trek Segafredo si aggira intorno ai 50” quando mancano circa 20 km al traguardo. Nell’ascesa finale, la Cote de la Roche aux Faucons, Brown prova l’ultimo disperato attacco.

L’australiana stacca le avversaria e spinge in maniera determinata per riprendere la fuggitiva. Negli ultimi chilometri continua il testa a testa con Brown che arriva anche a 12” di distacco dalla britannica ma per lei non c’è nulla da fare. Sul traguardo di Liegi arriva a braccia alzate Deignan. A chiudere la doppietta sul podio per la Trek Segafredo la terza piazza di van Dijk.

[sc name=”banner-article”]

salvatore.serio@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: shutterstock

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Motocross, GP Europa 2020: Tim Gajser domina gara-1 e allunga a +14 in classifica su Tony Cairoli, quinto a Mantova

Giro d’Italia 2020, tappa di domani (5 ottobre): Enna-Etna. Altimetria, percorso, orari