Basket, Eurolega 2020-2021: vincono in trasferta Kaunas, Efes e Barcellona. Rinviate due partite

Si sono disputati oggi i primi tre incontri della terza giornata di Eurolega 2020-2021 di basket. Rinviate, invece, le sfide tra Villeurbanne-Panathinaikos e Baskonia Vitoria-San Pietroburgo per le troppe positività al Covid-19 dei giocatori del Villeurbanne e del San Pietroburgo. Ecco come è andata.

CRVENA BELGRADO – ZALGIRIS KAUNAS 69-75
Terza vittoria consecutiva per lo Zalgiris Kaunas, che questa sera espugna il campo di Belgrado e resta in vetta alla classifica. Primo quarto in grande equilibrio, anche se i padroni di casa partono decisamente meglio, con un parziale di 9-2 nei primi cinque minuti dell’incontro, con gli ospiti che faticano a essere precisi al tiro. Ma un 7-0 per il Kaunas impatta subito il risultato e, alla fine, i primi 10 minuti si chiudono sul 19-19. La musica non cambia molto nel secondo quarto, con le due formazioni che si alternano al comando, ma senza mai riuscire ad allungare oltre ai 3/4 punti di vantaggio. Fino agli ultimi tre minuti, quando il Kaunas mette a segno un parziale di 8-2 e va al riposo sul 33-39. Ospiti che a inizio ripresa arrivano fino al +9, ma Belgrado non molla, anzi, e risponde con un 11-0 che ribalta la situazione. Si torna, così, a giocare punto a punto e si va all’ultimo break con il Kaunas avanti 62-60. Ospiti che hanno bisogno, dunque, di arrivare negli ultimi 10 minuti per provare a dare la scossa decisiva. Parziale di 7-2 e Kaunas che va a +7. La squadra di casa prova a rispondere, torna sotto, ma non riesce più a colmare completamente il gap e, alla fine, gli ospiti si impongono 69-75.
TOP SCORER
BELGRADO – Loyd 19, Davidovac 11, Walden 11
KAUNAS – Lekavicius 16, Lauvergne 12, Jokubaitis 9

ALBA BERLINO– ANADOLU EFES ISTANBUL 72-93
Arriva il primo successo stagionale per l’Efes Istanbul, che espugna senza problemi il campo dell’Alba Berlino in un match guidato fin da subito. Pronti, via e i turchi sono già 16-3. Faticano i tedeschi, migliorano le percentuali, ma non riescono ad accorciare il distacco e il primo quarto si chiude con un netto 14-29. L’Alba Berlino a inizio secondo quarto arriva fino a -9, ma è troppo poco e dopo tre minuti di gioco l’Efes è di nuovo a +17. Gli ospiti iniziano a controllare la partita e all’intervallo si va con Istanbul avanti 35-53. Il secondo tempo vede così l’Efes Istanbul rispondere colpo su colpo ai tentativi di Berlino di accorciare il distacco e va all’ultimo break avanti 55-70. I tedeschi arrivano fino al -12, ma non hanno la forza di accorciare ancor più il distacco e, alla fine, arriva la vittoria di Istanbul per 93-72.
TOP SCORER
BERLINO – Eriksson 13, Giffey 12, Siva 7
EFES – Pleiss 23, Micic 13, Dunston 13

VALENCIA – BARCELLONA 66-71
Cade per la prima volta in stagione il Valencia e lo fa dopo un match combattuto contro il Barcellona, che così conquista il secondo successo in Eurolega. Parte con grande equilibrio il derby spagnolo, con Valencia e Barcellona che rispondono colpo su colpo, senza che nessuna delle due squadre riesca a mettere a segno un break. Sono i padroni di casa, dopo quasi 5 minuti, a trovare il primo strappo e a portarsi sul +6. Quattro punti di Calathes, però, permettono al Barcellona di andare il primo stop sotto per 19-16. La tripla di Abrines a inizio secondo quarto vale il pareggio, ma i canestri dalla distanza di San Emeterio e Labeyrie fanno riallungare i padroni di casa. Come nel primo quarto, però, nei minuti finali i catalani riescono a ridurre il gap e si va al riposo con Valencia avanti 35-33. Barcellona che, ancora una volta, si affida alle mani di Calathes per impattare prima il risultato e poi, per due volte, per ribaltare la situazione e portarsi in vantaggio e, poi, con Abrines allungare sul +4. E negli ultimi minuti il parziale si allarga fino al 11-0 e Barcellona che va all’ultimo riposo avanti 44-54. Ospiti che si spingono fino al +15, ma Valencia non demorde e accorcia sul 51-59. Allunga nuovamente la formazione catalana, ma due triple di Kalinic riaprono i giochi a due minuti dalla fine, con il Barcellona avanti di soli sei punti. Un fallo tecnico alla panchina del Valencia dà al Barça la chance del colpo del ko, ma va a segno solo un libero e i padroni di casa accorciano ancora a 90 secondi dalla fine. Un intervento a dir poco dubbio non viene considerato falloso dagli arbitri, che danno palla al Barcellona dopo forti polemiche e gli ospiti possono controllare e chiudere 66-71, conquistando il secondo successo.
TOP SCORER
VALENCIA – Dubljevic 13, Kalinic 11, Vives 7
BARCELLONA – Smits 15, Calathes 14, Abrines 11

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI BASKET

duccio.fumero@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credits: Ciamillo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Calcio, Nations League: Ucraina-Spagna 1-0, Germania-Svizzera 3-3. Gruppo equilibrato. San Marino pareggia!

Volley femminile, Serie A1: Firenze batte Bergamo, Nwakalor e Guerra sugli scudi