Basket, Eurolega 2020-2021: il Barcellona batte il Cska di Hackett, sconfitta per Simone Fontecchio col Maccabi

Si sono disputati oggi i primi cinque incontri della Eurolega 2020-2021 di basket e nel big match di giornata il Barcellona batte il Cska Mosca. Successi in trasferta per lo Zenit San Pietroburgo e lo Zalgiris Kaunas, mentre il Maccabi Tel Aviv batte l’Alba Berlino, nonostante i 16 punti di un ottimo Simone Fontecchio e il Valencia batte di misura il Villeurbanne.

ANADOLU EFES ISTANBUL – ZENIT SAN PIETROBURGO 69-73
Esordio con successo di peso in trasferta per lo Zenit San Pietroburgo che batte l’Efes Istanbul in una partita tiratissima. Parte meglio la squadra russa che dopo un primo canestro dei padroni di casa mette a segno un parziale di 7-0. Ma l’Efes non demorde, accorcia il divario e a poco più di tre minuti dal primo stop si porta avanti sul 10-9. Qui, però, ancora una volta è lo Zenit a spingere e negli ultimi 67 secondi del primo quarto piazza un altro parziale che vale il 10-15 con cui ci si ferma. Una tripla di Beaubois riavvicina Istanbul, ed è lo stesso giocatore che dopo 5 minuti di gioco trova il nuovo pareggio. San Pietroburgo reagisce, torna a +5, ma l’Efes ora risponde colpo su colpo e si va all’intervallo lungo sul 26-26. La ripresa inizia con i turchi in controllo con le due triple di Simon e quella del solito Beaubois che portano l’Efes fino al +6. Una terza tripla di Simon e un canestro di Sanli fissano il 40-31, ma lo Zenit reagisce, si riporta fino al -4 e il quarto si chiude sul 54-49 per i turchi. Efes che controlla l’inizio dell’ultimo quarto, arriva a essere avanti 63-55, ma qui il match cambia musica. Prima lo Zenit fa un parziale di 8-0 e impatta il risultato, poi dopo un canestro della formazione di casa, pareggia, si porta in vantaggio, allunga fino al +4. Beaubois riapre tutto con una tripla a sei secondi dalla fine, ma i liberi di Pangos fissano il punteggio finale sul 69-73
TOP SCORER
EFES – Micic 17, Simon 14, Beaubois 12
ZENIT – Pangos 23, Rivers 14, Gudaitis 7

OLYMPIACOS PIREO – ZALGIRIS KAUNAS 67-68
Due liberi di Jokubaitis allo scadere concludono la rimonta dello Zalgiris Kaunas che inizia l’avventura europea con una vittoria in trasferta in Grecia. Avvio di match favorevole ai greci che vanno subito sull’8-2, ma risponde lo Zalgiris che rimonta e sorpassa il Pireo e a due minuti dalla fine del primo quarto allunga fino al 12-18. L’Olympiacos risponde con due triple negli ultimi 120 secondi, ma il Kaunas risponde e chiude i primi 10 minuti avanti 18-23. I primi cinque minuti del secondo quarto non vede la situazione cambiare, con le due formazioni che rispondono colpo su colpo agli avversari, ma a metà quarto Printezis segna due canestri per il pareggio. La tripla di Walkup riporta avanti lo Zalgiris, ma nel finale di tempo i greci rispondono e chiudono il primo tempo avanti 37-34. L’Olympiacos arriva fino al +5 a inizio terzo quarto, lo Zalgiris si rifà sotto, ma le triple di Sloukas e Vezenkov ridanno ai padroni di casa il +11 a meno di tre minuti dall’ultimo stop. Un gap che lo Zalgiris non chiude a 10 minuti dalla fine, quando il punteggio è 58-47. Un parziale di 7-2 a inizio quarto quarto riporta gli ospiti vicini, ma sono la tripla di Grigonis e i punti di Lauvergne che riportano il Kaunas sul -2. La tripla di Walkup a poco più di un minuto dà il -1 al Kaunas, ma l’Olympiacos non riesce a rispondere e i due liberi di Jokubaitis a tre secondi dalla fine concludono la rimonta del Zalgiris che vince 67-68.
TOP SCORER
OLYMPIACOS – Martin 12, Spanoulis 9, Harrison 8
KAUNAS – Grigonis 15, Lauvergne 13, Jokubaitis 12

MACCABI TEL AVIV – ALBA BERLINO 80-73
Non bastano i 16 punti di Simone Fontecchio all’Alba Berlino per espugnare il campo del Maccabi Tel Aviv. Grande equilibrio nel primo quarto a Tel Aviv, dove il Maccabi e l’Alba Berlino si sfidano a colpi di canestri nei primi minuti, con gli ospiti che hanno gli spunti migliori, arrivando a guidare con quattro punti di vantaggio. Due canestri di Simone Fontecchio spingono i tedeschi sul 15-23, ed è ancora l’azzurro che si erge a protagonista, segna 11 degli ultimi 15 punti dell’Alba e fa chiudere il primo tempo con Berlino avanti 19-29. Cambia, però, totalmente musica nel secondo quarto, con il Maccabi che difende benissimo, migliora le percentuali e con un parziale di 11-2 si riporta fino al -1. La tripla di Jones impatta il risultato, Maccabi passa in vantaggio con un secondo parziale di 14-0, chiude il secondo quarto 30-12 e va al riposo avanti 49-41. Si riavvicina l’Alba Berlino a inizio terzo quarto con otto punti di Granger, ma nel finale del quarto riallunga il Maccabi che va all’ultimo stop avanti 67-58. L’ultimo quarto vede gli israeliani controllare il vantaggio, impedire all’Alba Berlino di rifarsi sotto e, alla fine, vincere 80-73, con 16 punti di Simone Fontecchio.
TOP SCORER
MACCABI – Caloiaro 18, Jones 12, Hunter 12
BERLINO – Eriksson 18, Fontecchio 16, Granger 10

BARCELLONA – CSKA MOSCA 76-66
Un primo tempo dominato è quello che fa la differenza a Barcellona e che regala ai padroni di casa il successo nella supersfida d’esordio contro il Cska Mosca. È subito Mirotic contro Mosca a Barcellona, con il talento dei padroni di casa che marca 8 dei primi 10 punti degli spagnoli, rispondendo così colpo su colpo al Cska. Subito dopo, però, ecco che il parziale di 10-0 per il Barcellona crea il primo vero break del match, e quando Mosca si rifà sotto a -3 ecco che i catalani accelerano nuovamente chiudendo il primo quarto avanti 24-14. Brandon Davies porta i padroni di casa fino al +12 a inizio secondo quarto, quando due triple di Daniel Hackett riportano il Cska Mosca a -10. Mirotic tiene il Barcellona in doppia cifra fino al finale del primo tempo, quando un miniparziale per gli ospiti manda le due squadre negli spogliatoi sul 41-33. Il Barcellona riaccelera a inizio terzo quarto, arriva fino al +14 con la tripla di Nick Calathes, ma nuovamente una tripla di Hackett rimette il Cska Mosca in un passivo a una sola cifra. Si arriva all’ultima pausa con il Barcellona in vantaggio per 55-48. Una tripla di Shengelia riavvicina i russi, altri due liberi del giocatore e un canestro di Mike James riapre tutto, con il Cska che torna a -2. È Abrines a ridare fiato ai padroni di casa con un canestro da fuori dall’arco e altri suoi due canestri riportano il Barcellona sul +10. È l’allungo decisivo, con il Cska Mosca che non riesce a reagire nonostante manchino ancora 5 minuti alla fine, mentre gli iberici controllano e chiudono imponendosi per 76-66.
TOP SCORER
BARCELLONA – Davies 18, Mirotic 17, Abrines 13
CSKA – Shengelia 15, James 13, Hackett 11

VALENCIA – LDLC ASVEL VILLEURBANNE 65-63
La tripla sbagliata allo scadere da Amine Noua condanna il Villeurbanne alla sconfitta in casa del Valencia. Grande equilibrio in Spagna, dove Valencia e Villeurbanne nel primo quarto non riescono mai a prendere il sopravvento sul parquet, alternandosi in vantaggio, ma senza quasi mai superare i tre punti di distacco. Negli ultimi tre minuti, però, prima il Valencia allunga sul 18-11, poi i francesi rispondono con due triple che chiudono il quarto sul 18-17. Continua a inseguire il Villeurbanne, con il Valencia che torna fino al +10, grazie ai canestri di Guillem Vives, mentre Mike Tobey allunga ancora di più. Ma come nel primo quarto, quando gli spagnoli sembrano in grado di mettere a segno il colpo del ko, ecco che i francesi segnano due triple con Diot e Noua e vanno al riposo sotto per 37-33. Non solo, perché a inizio terzo quarto sei punti consecutivi di Fall portano il Villeurbanne in vantaggio, ma una tripla e due liberi di Derrick Williams permettono al Valencia di andare all’ultimo riposo avanti 50-47. Valencia che allunga fino al +8 a inizio ultimo quarto, ma ancora una volta i francesi non demordono, accorciano le distanze e a 24 secondi dal termine pareggiano con la tripla di Paul Lacombe. Risponde Van Rossom a 16 secondi dalla fine, ma è la tripla mancata da Noua a decretare il successo del Valencia per 65-63.
TOP SCORER
VALENCIA – Williams 15, Tobey 10, Prepelic 8
VILLEURBANNE – Fall 14, Cole 11, Kahudi 9

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI BASKET

duccio.fumero@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credits: Ciamillo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket, Champions League 2019-2020: AEK Atene e Saragozza in semifinale nelle Final Eight greche

Europa League 2020-2021: il Milan si qualifica per i gironi. Battuto il Rio Ave dopo 24 rigori