Atletica, Matteo Giupponi secondo nella 20 km di Podebrady: l’azzurro firma il minimo per le Olimpiadi

Matteo Giupponi ha conquistato il secondo posto nella 20 km di marcia a Podebrady (Repubblica Ceca), dove è andata in scena la prima gara internazionale post-lockdown di questa specialità. Sotto una fitta pioggia, l’azzurro si è reso protagonista di una bella prova, chiusa col tempo di 1h19:58. Il crono è ampiamente al di sotto del minimo fissato per le Olimpiadi di Tokyo, rinviate al prossimo anno a causa della pandemia. Il nostro portacolori è così riuscito a qualificarsi per i Giochi, dimostrando una grandissima solità in termini tecnici e fisici, anche perché non era facile gareggiare dopo praticamente un anno di stop.

L’azzurro ha timbrato il suo personale, migliorando di 29 secondi quanto fatto ormai quattro anni fa alle Olimpiadi di Rio 2016 e diventando il settimo italiano di tutti i tempi. Il carabiniere ha chiuso alle spalle dello svedese Perseus Karlstrom, bronzo mondiale capace di scappare via a Giupponi negli ultimi tre chilometri e di chiudere in 1h19:43. Il 32enne, bravo a precedere i francesi Gabriel Bordier (1h20:19) e Kevin Campion (1h21:35), ha poi dichiarato ai microfoni della Fidal:  “Ci voleva, ho passato anni difficili dopo il 2016, tra infortuni che si accavallavano e dai quali non riuscivo a uscire. Dopo il lockdown ho lavorato bene, sia a Milano sia poi a Vipiteno. Ho fatto dei lavori importanti e sapevo di essere in buona condizione, nonostante un lieve fastidio sotto il piede destro. Quello che era più difficile era ritrovare le sensazioni di gara. Oggi mi sono divertito, è stata bellissima, pioggia e fresco hanno aiutato. Questo risultato è anche merito di Gianni Perricelli: da qualche settimana abbiamo ritenuto, in maniera condivisa, di aprire un nuovo percorso. Sarà Michele Didoni a seguirmi come allenatore”.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI ATLETICA LEGGERA

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: COLOMBO/FIDAL

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Triathlon, World Cup Arzachena 2020: trionfa Vincent Luis, nei 20 Gianluca Pozzatti ed Alessandro Fabian

Paratriathlon, World Cup Alhandra 2020: a podio Pier Alberto Buccoliero e Rita Cuccuru