Tour de France 2020, Nairo Quintana: “Sto avendo delle buone sensazioni. Ritrovarsi in queste posizioni è confortante”

In attesa del suo terreno di caccia preferito, le dure montagne in cui tentare un attacco più complesso e non un semplice sprint finale, il colombiano Nairo Quintana è apparso in ottima condizione nella tappa odierna vinta dallo sloveno Primoz Roglic, chiudendo quarto al traguardo e balzando al nono posto della classifica generale di un Tour che potrebbe anche renderlo protagonista, vista la mole di metri di dislivello in programma.

Il nativo di Combita, già tre volte sul podio al Tour, quest’anno sembra essere rinato con l’approdo all’Arkea-Samsic. Oltre a irisultati, per il colombiano è infatti tonato a splendere il sorriso sul volto ad ogni tappa, con la sensazione che lo scalatore abbia ritrovato quella serenità e quel piacere di correre che aveva leggermente perso negli ultimi anni in Movistar.

Ai microfoni delle emittenti francesi, a fine tappa, il vincitore del Giro 2014 ha dichiarato: “Sono soddisfatto del risultato ottenuto. Il lavoro della squadra è stato ancora una volta esemplare per tutta la tappa. Ci tengo a ringraziare tutti i miei compagni. Anche io sto ritrovando delle buone sensazioni, è importante che, giorno dopo giorno, passo dopo passo, mi ritrovi sempre davanti coi migliori. Ritrovarsi in questa posizione in classifica è una buona cosa, è confortante”.

Nel finale il trentenne ha poi ringraziato personalmente tutti i suoi compagni: “Dobbiamo continuare a correre come una squadra, come stiamo facendo da più di un mese. L’apporto di Warren, Diego, Dayer e Winner è fondamentale, qui ci sono dei corridori che potrebbero essere dei capitani in altre squadre in montagna, senza dimenticare Kevin, Connor, Clèment che hanno un ruolo primario in questo Tour. Noi li aiutiamo nelle tappe pianeggianti e loro ci supportano in quelle più movimentate”.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

michele.giovagnoli@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tour de France 2020, la mina vagante Guillaume Martin. Già terzo al Delfinato, il francese può stupire

Pattinaggio artistico: Valentina Marchei saluta le competizioni e manda un messaggio ai giovani: “Non lasciatevi frenare dal timore di fallire”