Pagelle Tirreno-Adriatico 2020, terza tappa: tempismo perfetto per Michael Woods, occasione persa per l’Astana

Doppio centro per Michael Woods (EF Pro Cycling) che ha vinto la terza tappa della Tirreno-Adriatico 2020, con partenza da Follonica e arrivo a Saturnia, andando ad indossare anche la maglia azzurra di leader della classifica generale. Il corridore canadese è scattato nel finale, ed è transitato da solo sul Muro di Poggio Murella, dedicato al Pirata Marco Pantani. Ripreso successivamente da Rafal Majka (Bora – Hansgrohe) ha poi battuto il polacco sul traguardo di Saturnia. A 20 secondi è giunto il gruppetto dei big, eccezion fatta per Vincenzo Nibali (Trek-Segafredo), che ha chiuso con un ritardo di 33″. Adesso andiamo a dare i voti ai protagonisti di questa tappa.

PAGELLE TERZA TAPPA TIRRENO-ADRIATICO 2020

Michael Woods, 10: molto coraggioso il canadese, che ha fatto tirare la sua EF già al primo passaggio sul Poggio Murella, per poi compiere una vera e propria impresa solitaria sulla seconda scalata. Era uno dei grandi favoriti e non è mancato all’appello. Bellissimo il suo scatto e la sua volata finale. Aveva una marcia in più rispetto a tutti gli altri.

Rafal Majka, 7,5: il polacco ha commesso un piccolo errore nella volata, in cui è partito troppo lungo. Va comunque elogiata la sua azione e la prontezza nel riprendere Woods per giocarsi alla pari la vittoria di tappa. È stato l’unico a cercare di riportarsi sul canadese, e per questo va premiato.

Astana, 4: stranissimo comportamento da parte della formazione kazaka, che aveva due uomini come Alexandr Vlasov e Jakob Fuglsang pronti a giocarsi la tappa, e invece sono rimasti un po’ sulle ruote. Ok, le montagne cominciano domani, ma sembra quasi che non ci sia ancora una vera e propria gerarchia in squadra.

Vincenzo Nibali, 6: oggi il siciliano ha pagato le pendenze del Muro di Poggio Murella, un’ascesa che non faceva per le caratteristiche del capitano della Trek-Segafredo, che ama le salita più lunghe e dolci. Ma non c’è da spaventarsi, il suo vero obiettivo è il Giro d’Italia, non la Tirreno. Vincenzo ha ancora tutto il tempo necessario per trovare la forma ideale in vista della Corsa Rosa, e aveva già messo in preventivo un risultato di questo tipo.

Geraint Thomas, 5: il britannico ha fatto lavorare per diverso tempo la sua Ineos Grenadiers, ma alla fine non ha dimostrato nulla di che. Magari è stata soltanto una tattica in vista delle montagne. Lo vedremo domani.

Florian Senechal, 5: il francese non ha colto il momento giusto per lanciarsi verso un’azione che si sarebbe potuta rivelare vincente per un ragazzo così resistente come il portacolori della Deceuninck-Quick Step. Fosse partito qualche chilometro più avanti, forse si sarebbe potuto giocare la tappa al posto di Woods. Tempistica errata.

Chris Froome, 4: il britannico non ha sofferto soltanto sul Muro, ma anche, e inaspettatamente sui vari saliscendi che hanno caratterizzato tutta la tappa. Un vero e proprio calvario inatteso per il quattro volte vincitore del Tour. Stiamo parlando di un vero e proprio fuoriclasse che ha segnato quest’epoca, ed è veramente strano vederlo così affaticato nel tagliare il traguardo con ben 18′ di ritardo. L’incubo dell’incidente dell’estate 2019 è sempre presente.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

lisa.guadagnini@oasport.it

Twitter: @lisa_guadagnini

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram

Clicca qui per mettere Mi piace alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tirreno-Adriatico 2020: Chris Froome paga 18’22” di ritardo! Il britannico fa ancora tanta fatica

Jannik Sinner agli ottavi dell’ATP 250 di Kitzbuehel. Quale avversario? Qual è il nuovo ranking dell’azzurro?