Giro Rosa 2020, sesta tappa: tris di Marianne Vos a Nola. L’olandese sempre più maglia ciclamino

Volata doveva essere e volata è stata. Marianne Vos ha fatto centro per la terza al Giro Rosa 2020, confermandosi sempre più maglia ciclamino. La sesta frazione da Torre del Greco Nola ( 97,5 km) è stata molto combattuta con il gruppo che ha rintuzzato tempestivamente tutti gli attacchi sin dal primo chilometro.

La prima a tentare di evadere dal plotone è stata Lisa Brennauer (Ceratizit-WNT Pro Cycling) dopo soli 5 km di corsa, la sua fuga è durata solo una decina di chilometri, con un vantaggio massimo di 50”. La CCC, squadra della campionessa olandese, ha quindi tenuto in mano la corsa per evitare possibili pericolose fughe, dettando il ritmo per gran parte della gara.

Nadine Gill (Bizkaia-Durango) ha piazzato un buon attacco ai 25km da traguardo, inseguita da Pauliena Rooijakkers (CCC-Liv) ma anche in questo caso il tentativo di fuga è stato riassorbito dal gruppo nel giro di pochi minuti. L’ultima a provarci, a circa 10 km dall’arrivo, è stata Maria Novolodskay (UCI Cogeas). Il plotone, però, ha alzato nuovamente il ritmo riprendendo la fuggitiva a poco meno di 2 km dal traguardo, anche grazie a un errore commesso in curva dalla russa.

In volata, tanto per cambiare, Marianne Vos ha regolato tutte le avversarie portando a casa la terza vittoria in questa edizione del Giro Rosa 2020 e la sesta in carriera. In seconda piazza Mary Barne (UCI Women’s WorldTeam Canyon) seguita da Lotte Kopecky ( Lotto – Soudal Ladies). La campionessa olandese allunga nella classifica della maglia ciclamino mentre rimane in maglia rosa Annemiek van Vleuten (Mitchelton-Scott) arrivata al traguardo con il gruppo di testa.

salvatore.serio@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tour de France 2020, Egan Bernal: “Ritiro è la decisione giusta in queste circostanze, non vedo l’ora di tornare nei prossimi anni”

Giro di Toscana 2020: Fernando Gaviria domina in volata!