Ciclismo, tutti gli italiani Campioni del Mondo. Filippo Ganna si aggiunge a una schiera di fuoriclasse

Filippo Ganna riporta l’Italia sul tetto del mondo ciclistico. Il 24enne nato a Verbania ha infatti letteralmente dominato la cronometro maschile dei Mondiali di Imola 2020 e, dopo i quattro titoli iridati nell’inseguimento individuale su pista, si è aggiudicato anche la medaglia d’oro in questa specialità del ciclismo su strada. Il corridore in forza alla Ineos Grenadiers è il primo italiano a iscriversi nell’albo d’oro della prova contro il tempo, mentre sono tanti gli azzurri che hanno primeggiato nella prova in linea: andiamo a vedere quali sono i fuoriclasse che si sono laureati Campioni del Mondo.

Se, come detto, nella cronometro quello di Ganna è ad oggi un caso isolato, nella prova in linea maschile sono 19 gli ori conquistati dall’Italia. A detenere il record di affermazioni è Alfredo Binda, che ottenne tre vittorie ai Mondiali durante il ventennio fascista (1927, 1930, 1932). Mentre a quota due, in tempi più recenti e in entrambi i casi consecutive, troviamo Gianni Bugno (1991, 1992) e Paolo Bettini (2006, 2007). Un solo successo, invece, per altri dodici fenomeni azzurri: Learco Guerra (1931), Fausto Coppi (1953), Ercole Baldini (1958), Vittorio Adorni (1968), Marino Basso (1972), Felice Gimondi (1973), Francesco Moser (1977), Giuseppe Saronni (1982), Moreno Argentin (1986), Maurizio Fondriest (1988), Mario Cipollini (2002) e Alessandro Ballan (2008).


Insomma, era dal 2008 che, a livello maschile, l’Italia non conquistava una medaglia d’oro nei Mondiali di ciclismo su strada. Oggi dobbiamo ringraziare Filippo Ganna, un autentico fuoriclasse che con una prestazione spaziale ha regalato al Bel Paese un titolo iridato che assume ancor più valore perché ottenuto in casa, ad Imola.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

antonio.lucia@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

MotoGP, Ducati in difficoltà: la GP20 ha poco grip, Dovizioso e Bagnaia indietro

MotoGP, Alex Rins: “Oggi avevo un buon feeling rispetto a Misano”