Milano-Torino 2020, Wout Van Aert: “Ora so che alla Sanremo non devo temere i velocisti puri”



Wout Van Aert ieri ha sfiorato il successo alla Milano-Torino, battuto di un soffio, in una volata di gruppo, da due velocisti sicuramente più puri di lui come Demare o Ewan. Un risultato importante che infonde ulteriore fiducia nel vincitore della Strade-Bianche 2020, il quale ora guarda alla Milano-Sanremo con rinnovata fiducia. Il tre volte iridato nel ciclocross, infatti, sa di avere in faretra molteplici frecce che possono consentirgli di conquista la Classicissima.

Van Aert, oggi, ha rilasciato un’intervista a Het Laatste Nieuws, nella quale ha parlato del suo risultato alla Milano-Torino e di ciò che questo rappresenta in ottica Milano-Sanremo. Queste le sue parole: “Ieri non ho perso perché Demare e Ewan erano più veloci di me, ma solamente poiché sono partito da una posizione peggiore. E’ stato un buon test per la Sanremo, volevo capire qual è il mio livello allo sprint e mi sono reso conto di non essere inferiore agli sprinter puri. E’ stato un test di successo e ora so che sabato non devo temere nessuno in un arrivo a ranghi numerosi”.

Loading...
Loading...

Vale la pena ricordare, oltretutto, che Van Aert l’anno scorso si è imposto due volte in volate di gruppo: una al Giro del Delfinato e una al Tour de France. Al contrario, paradossalmente, sembra trovarsi meno a suo agio in sprint ristretti lanciati a bassa velocità, tanto che nella volata a quattro dell’E3 di Harelbeke 2019 è stato fulminato da Stybar, mentre proprio alla Milano-Sanremo della scorsa stagione è arrivato solo sesto nello sprint che ha visto trionfare Julian Alaphilippe.


luca.saugo@oasport.it

Twitter: @LucaSaugo

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top