F1, GP Gran Bretagna 2020: la Ferrari paga un differenziale di potenza pari a 42 CV rispetto al 2019! Mercedes la sola a incrementare

Carta canta, verrebbe da dire. Si era tanto parlato di motore nelle settimane precedenti in merito alle problematiche della Ferrari. Appare evidente che la SF1000 abbia un importante deficit in termini di potenza rispetto alla Mercedes e abbia perso sensibilmente rispetto al 2019, facendo un confronto con la SF90.

Ebbene, le rivelazioni fonometriche effettuate nel corso delle qualifiche del GP di Gran Bretagna, quarto round del Mondiale 2020 di F1, evidenziano quanto la monoposto del Cavallino Rampante abbia perso nel confronto impietoso con la macchina di 12 mesi fa. Stando appunto a questi dati riportati da Motorsport.com, il differenziale è di 42 CV. Un gap enorme e il più ampio tra i propulsori che spingono le macchine presenti nella massima categoria dell’automobilismo.

In questa lista si può evidenziare un altro dato interessante, ovvero che il propulsore Mercedes sia l’unico ad aver avuto un incremento di potenza rispetto agli altri: Honda paga un divario di 28 CV, la Renault 37 CV, mentre la Stella a tre punte, a pieno boost, ha raggiunto i 1022 CV di potenza. Un dato notevolissimo che qualche sospetto nel paddock inizia ad alimentarlo, anche dopo quello che era accaduto l’anno scorso con la Ferrari e il famoso accordo con la FIA. In seguito a ciò, la Federazione internazionale aveva approvato delle direttive volte a prevenire alcune zone grigie del regolamento, che la Rossa aveva sfruttato.


Considerando questi numeri, sembra però che la scuderia anglo-tedesca abbia trovato una soluzione davvero incredibile, se rapportata alle sofferenze altrui. Da questo punto di vista, ha ancor più valore la prova di Charles Leclerc, che nonostante una monoposto scarsamente efficiente ha completato un giro notevolissimo nelle qualifiche. Anche per questo, la Ferrari ha optato per un assetto molto scarico e il 22enne del Principato ha estratto il 101% dal pacchetto a disposizione.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DELLA F1

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Milano-Sanremo 2020: il borsino dei favoriti dopo le Strade Bianche. Van Aert in pole, ma guai a dare per spacciati van der Poel e Alaphilippe

F1 in streaming, GP Gran Bretagna 2020: come guardare la gara sul web. Orario e link utili