Ciclismo, Robert Gesink: “Voglio correre altri tre anni e aiutare un mio compagno a vincere il Tour”

Sono passati quasi undici anni da quando Robert Gesink, nel settembre del 2009, prima che una caduta lo costringesse ad alzare bandiera bianca, contendeva il successo finale della Vuelta ad Alejandro Valverde. Al tempo lo scalatore neerlandese aveva ventitré anni ed era uno dei prospetti più quotati del panorama mondiale, considerato dai più un futuro vincitore di grandi giri. Persino Eddy Merckx spese parole al miele per lui, pronosticandogli una carriera di primissimo piano.

Tanti infortuni, dovuti anche a una scarsa capacità di guida del mezzo, uniti a un margine di crescita inferiore a quello che si supponeva, hanno fatto sì che Robert rispettasse solo in parte quanto gli era stato pronosticato. Nelle ultime due stagioni, però, quando ormai si pensava che avesse poco o nulla da dare, Gesink si è saputo reinventare come gregario di qualità di Primoz Roglic. Il suo lavoro eccellente sull’Aubisque, al Tour de France 2018, fu di vitale importanza per il successo di tappa ottenuto quel giorno, dopo molteplici attacchi sia in discesa che in salita, dal suo capitano. Ancor di più, però, Gesink è stato, insieme a un altro veterano quale Tony Martin, uno degli uomini fondamentali per lo sloveno alla Vuelta 2019, ove si è sempre fatto trovare pronto quando chiamato in causa. Inoltre, grazie alla sua esperienza è stato anche una sorta di regista in corsa, capace di guidare con maestria gli altri gregari Jumbo nelle frazioni d’alta montagna.

Giunto ormai a 34 anni Gesink non ha alcuna voglia di smettere, anzi. Intervistato da Bureau Sport, Robert ha dichiarato per quanto ancora si vede in sella a una bici e ha parlato del Tour 2020, grande obiettivo della sua Jumbo: “Penso di poter correre a questi livelli per altri tre anni. Finché vado così forte non intendo smettere. Ora il mio sogno è vincere il Tour con la squadra. Abbiamo tre ragazzi che sono già saliti sul podio nei grandi giri, questo vuol dire che abbiamo tantissima potenza di fuoco e serie chance di portare la maglia gialla a Parigi. Anni fa sognavo di vincere io il Tour de France, ma ora mi rendo conto di non avere più le gambe per farlo e il mio ruolo è quello di aiutare i compagni. Alla Vuelta del 2019 ho lavorato molto bene per Roglic, spero di riuscire a replicare alla prossima Grande Boucle“.

luca.saugo@oasport.it

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

Twitter: @LucaSaugo

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Shutterstock

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket, Ingus Jakovics firmerà un biennale con Varese

Calcio, Serie A: Papu Gomez MVP del mese di giugno