NASCAR Xfinity Series, Justin Haley vince per la prima volta in carriera a Talladega

Justin Haley vince per la prima volta in carriera a Talladega! Il #11 del Kaulig Racing sigla il successo grazie ad un perfetto gioco di squadra che gli ha permesso di beffare un ottimo Jeb Burton, alfiere del Jr. Motorsport. Per Haley si tratta della prima affermazione in Xfinity Series dopo aver sfiorato per più volte il successo.

La prima Stage si è aperta con un duello al comando tra Ross Chastain (Kaulig Racing) ed Michael Annett (Jr Motorsport). La coppia ha gestito la prima parte prima della prima pausa dovuta al competiton caution, la neutralizzazione a tavolino che viene inserita nel primo segmento della corsa. Al restart, Justin Haley, #11 del Kaulig Racing ed autore della pole-position, ha preso il comando delle operazioni ed è riuscito a gestire la leadership fino al primo ‘traguardo volante’ di giornata. Antony Alfredo (Richard Childress Racing) è arrivato secondo davanti a Chase Briscoe (Haas), Ross Chastain e Brandon Jones (Joe Gibbs Racing)

La seconda Stage sotto il segno dell’esordiente Antony Alfredo. L’ex protagonista della NASCAR Truck Series, ha preso il comando delle operazioni prima di cedere il passo alla Mustang #98 di Chase Briscoe. L’alfiere di Haas, primo per tre volte in questo 2020, ha gestito il finale della frazione, vinta davanti a Annett, Cindric, Noah Gragson e Chastain.

Dopo un primo momento dominato da Michael Annett, la Final Stage è totalmente cambiata a meno di 40 giri dalla fine in seguito all’incidente dell’auto #18 di Riley Herbst. Tutto il gruppo ha approfittato per effettuare la sosta e posizionarsi dietro ai tre alfieri del Kaulig Racing, unica squadra che ha scelto di fermarsi ai box prima dello scattare della caution. Ross Chastain, A. J. Allemendinger e Justin Haley si sono presi la Top3 prima della quinta ripartenza di giornata. Il terzetto ha imposto un ritmo impressionante sui rivali che si sono costretti ad inseguire. A meno di 20 passaggi dalla fine è arrivato il primo vero incidente di giornata. Harrison Burton ha infatti spinto a muro l’auto #52 di Kody Vanderwal, un episodio che ha innescato una carambola in cui sono entrati anche Colin Garrett, Josh William e Caesar Bacarella. Dopo la prima sospensione per permettere ai commissari di rimuovere le auto, la prova è ripresa per pochi giri. A meno di otto passaggi dalla fine, Justin Allagaier ha causato un nuovo incidente in cui sono finiti alcuni importanti protagonisti come Noah Gragson e  Brandon Jones. Un nuova bandiera rossa ha bloccato la manifestazione.

Jeb Burton, cugino del già citato Harrison, ha preso il comando delle operazioni e si è presentato da leader alla ripartenza. A soli tre tornate dalla fine, Burton è subito stato attaccato da Haley che, grazie all’aiuto del compagno di squadra Chastain, ha potuto sorpassare all’esterno di curva 3-4 il rivale. Burton chiude terzo davanti a Cindric ed Alfredo.

Dopo l’evento in Alabama nel Talladega Superspeedway la NASCAR Xfinity Series tornerà tra sette giorni si correrà a Pocono (Pennsylvania).

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE SULLA NASCAR

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Lewis Hamilton lancia un progetto per promuovere la diversità razziale nel mondo dell’automobilismo

Antonio Esposito, judo: “Lo stop mi ha fatto bene, mi sento rigenerato e sono pronto per le ultime gare di qualificazione olimpica”