NASCAR 2020, il nuovo calendario della stagione: date, programma, orari, tv, streaming

Dopo due mesi di stop a causa della diffusione del Coronavirus, la NASCAR Cup Series cerca in tutti i modi di mantenere nel proprio calendario le 36 prove previste. Ricordiamo, per chi non lo sapesse, che di queste competizioni, 26 compongono la regular season, mentre le restanti 10 compongono i Playoffs che incoronano il campione finale.

Grazie al permesso dei governi locali, le piste di Darlington e Charlotte si sono rese disponibili ad accogliere la Cup Series per un totale di quattro prove che si svolgeranno dal 17 al 27 maggio.

In realtà, solo una di queste competizioni mantiene la sua originale collocazione all’interno della regular season, l’unica parte del campionato che per ora ha subito variazioni. La Charlotte 600, una delle prove più prestigiose dopo la Daytona 500, è la più lunga, come distanza, dell’intero programma stagionale della Cup Series. Il settimo round stagionale è la sola competizione, da marzo ad oggi, che non ha variato la propria data.

Le prove di Atlanta, Miami, Texas, Bristol, Martinsville, Talladega e Dover sono per ora rimandate a data da definirsi, mentre le corse di Richmond, Chicago e Sonoma sono state ricollocate in altre sedi.

La prima delle due gare previste nello short track di Richmond verrà recuperata in occasione della 500 chilometri di Darlington, evento che si terrà mercoledì 20 maggio nella serata statunitense. Ricordiamo, invece, la conferma momentanea della seconda competizione di Richmond, in programma a settembre e valida per i Playoffs.

La Cup Series si è trovata a dover rinunciare definitivamente ad altre due prove: Chicago e Sonoma. In Illinois, Stato in cui ha sede il Chicagoland Speedway, la NASCAR avrebbe organizzato una 400 miglia nel fine settimana del 21 giugno. L’ovale da un miglio e mezzo di Chicago verrà rimpiazzato dal Darlington Raceway, tracciato in cui è stata indetta una 400 Miglia per il 17 maggio alle 21:30 italiane.

La famosa categoria americana si è trovata costretta a perdere una delle gare più caratteristiche dell’intera stagione: Sonoma. La pista californiana è infatti uno dei tre eventi che non si svolgono all’interno di un ovale. I sali e scendi dell’ex Infineon Raceway sono infatti un’eccezione insieme alle location di Watkins Glen e del Roval, la pista creata nel 2018 all’interno del Charlotte Motor Speedway. Questa tappa persa verrà recuperata con una 500 chilometri a Charlotte mercoledì 27 maggio. L’assenza di Sonoma è un’importante perdita per molti piloti all’interno del gruppo. La particolarità del circuito rende la gara un’occasione unica per tutti i piloti di siglare un successo ed accedere automaticamente ai Playoffs.

Non si hanno informazioni per quanto riguarda degli appuntamenti del Kansas e del Michigan, rispettivamente in programma il 31 maggio ed il 7 giugno. Con lo spostamento delle già citate Sonoma e Chicago si ‘liberano’ due importanti week-end in cui si potrebbero recuperare almeno due prove di quelle rimandate da marzo ad oggi. Gli Stati del Texas e della Florida sembrano, per ora, i più propensi ad accogliere dei eventi sportivi durante questo periodo e quindi si candidano ad ospitare le gare.

Ricordiamo che tutte le competizioni della NASCAR sono trasmesse in diretta sul sito NASCAR Track Pass. Il servizio è disponibile dopo la sottoscrizione di un abbonamento di 125 dollari per un anno e di 15 per un mese.

NASCAR CUP SERIES: PROGRAMMI ED ORARI ITALIANI

  • Domenica 17 maggio, 400 miglia di Darlington in diretta alle 21:30;
  • Giovedì 21 maggio,  500 chilometri di Darlington in diretta alle 1:30;
  • Lunedì 25 maggio, 600 miglia di Charlotte in diretta a 00:00;
  • Giovedì 28 maggio, 500 chilometri di Charlotte in diretta alle 3:00

NASCAR CUP SERIES: COME VEDERE LE GARE

  • Tramite l’abbonamento a NASCAR Track Pass

 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE SUI MOTORI

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, GP Spagna virtuale: George Russell in trionfo, vinta la battaglia con Charles Leclerc. Il ferrarista è 2°

Marc Marquez, MotoGP: “Correre senza pubblico sarà strano, ma lo faremo per le persone alla TV”