Volley, quali squadre italiane parteciperanno alle coppe europee 2020-2021? Scenari e ipotesi

La CEV ha chiuso definitivamente la stagione europea di volley a causa della pandemia, le competizioni continentali erano arrivate alla fase calda (quarti/semifinali) ma l’emergenza sanitaria ha impedito il regolare svolgimento dei tornei e si è deciso di chiudere tutto senza cercare un recupero autunnale come si era paventato fino a pochi giorni fa. Lo sguardo va dunque verso la prossima stagione ma quali saranno le squadre che parteciperanno alle Coppe Europee 2020-2021? I campionati non si sono conclusi e dunque saranno le classifiche parziali a definire chi sarà protagonista nella nuova annata agonistica.

La SuperLega maschile non si è ancora espressa in merito, bisognerà capire se verrà presa in considerazione la classifica al momento della sospensione o quella al termine del girone d’andata ma comunque sembra quasi sicuro che Civitanova, Perugia e Modena parteciperanno alla Champions League mentre Trento e Milano si spartiranno la presenza nei tornei minori (dolomitici in CEV Cup e meneghini in Challenge Cup se contasse la graduatoria a inizio marzo, caso inverso se si prendesse quella di Santo Stefano).

La Serie A1 femminile ha già ufficializzato la situazione utilizzando la graduatoria al termine della 19ma giornata (l’ultima disputata da tutte le squadre), anche se non sono da escludere dei contenziosi (Scandicci ne ha già parlato): Conegliano, Busto Arsizio, Novara in Champions League; Scandicci in CEV Cup; Monza in Challenge Cup. Non ci sarà una wild card per una quarta squadra italiana in Champions League come speravano Trento e Scandicci, ancora in corsa nella competizione di quest’anno prima dello stop.

 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI VOLLEY

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto LPS/Elisa Calabrese

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tiro a segno, Dario Di Martino: “Nel 2021 tornerò in forma e mi giocherò le Olimpiadi. Di Donna è un tecnico insostituibile”

Basket, il baratro delle serie minori: sponsor in fuga e mancati introiti degli spettatori. Tante società rischiano il fallimento