Pallanuoto, Europei femminili 2020: la Spagna raggiunge la Russia in finale, Ungheria battuta

È la Spagna la seconda squadra finalista degli Europei di pallanuoto femminile. In quel di Budapest, davanti al festante pubblico magiaro, le iberiche, vice campionesse in carica ed argento anche ai Mondiali di Gwangju, riescono a battere in un match tiratissimo in semifinale l’Ungheria padrona di casa per 11-10. Raggiunta dunque la Russia (vincente sull’Olanda) nell’ultimo atto: per le russe c’è l’ufficialità della conquista del pass olimpico, visto che le spagnole l’avevano già agguantato in estate in Corea.

Partita davvero molto equilibrata, come previsto, quella odierna. 3-3 nel primo quarto, vantaggio iberico per 5-4 a metà gara. Le ungheresi riescono a riequilibrare il tutto prima degli 8′ conclusivi. Si spegne la luce però ad inizio quarto periodo: un break di 4-0 per le spagnole, fino all’11-7, irrimediabile. Le magiare provano in tutti i modi ad accorciare le distanze, ma chiudono a -1 e saranno costrette ad accontentarsi della finale per il bronzo con l’Olanda.

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Europei pallanuoto femminile 2020

ultimo aggiornamento: 23-01-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, Luca Scinto lancia la rivoluzione in casa Vini Zabù: proibiti i misuratori di potenza

Basket, Ettore Messina parla del match col Fenerbahçe: “Gara sulla carta proibitiva, percentuali al tiro e difesa le chiavi”