Snowboard, Roland Fischnaller EVERGREEN! Monologo nel PGS di Cortina, è fuga in classifica di Coppa del Mondo!



Un anno dopo la storia non cambia: Roland Fischnaller, gara dopo gara, continua a riscrivere la storia dello snowboard parallelo italiano e, in generale, di questo sport. Il 39enne nativo di Bressanone centra il secondo successo consecutivo nella Coppa del Mondo: dalla Russia al Bel Paese, da Bannoye a Cortina d’Ampezzo, dove arriva un clamoroso back-to-back, con il pubblico della Perla delle Dolomiti che può nuovamente gioire dopo il trionfo del 2018.

Un vero e proprio monologo timbrato dal capitano della squadra azzurra. Negli ottavi difficoltà nel battere il campione del mondo in carica Loginov, da lì in poi pura gestione, con tutti gli avversari che sono stati costretti ad arrendersi. Nella finalissima sono addirittura 86 i centesimi di ritardo del sudcoreano Sangho Lee. Fischnaller tocca quota 17 vittorie nel massimo circuito internazionale, diventando così in solitaria l’atleta azzurro in attività con il maggior numero di successi (record anche per i podi, 38). Per lui è fuga in classifica di Coppa del Mondo: in una stagione senza Mondiali ed Olimpiadi si può sognare la sfera di cristallo.

Loading...
Loading...

Miglior risultato della carriera per il russo Igor Sluev che nella finalina per la terza piazza centra il podio battendo di tre centesimi l’austriaco Lukas Mathies. Si arrende ai quarti Maurizio Bormolini, mentre non convincono agli ottavi Mirko Felicetti e, soprattutto, Daniele Bagozza, che si erano ben disimpegnati nelle qualificazioni (rispettivamente terzo e primo). Fuori al primo turno anche Gabriel Messner ed Edwin Coratti.

Nella gara al femminile è la Germania a monopolizzare la Big Final: dopo Bannoye arriva la doppietta per Ramona Theresia Hofmeister che supera nettamente la connazionale Selina Jörg. Da sottolineare l’ennesimo podio, il secondo consecutivo, per la veterana austriaca Claudia Riegler, alla veneranda età di 46 anni. Si arrende nella Small Final la sorprendente cinese Ruxin Zang. In casa Italia Nadya Ochner non ripete l’impresa dell’anno scorso: l’azzurra si ferma ai quarti di finale. Buona qualifica per Giulia Gaspari che esce al primo turno.

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top