Sci alpino, Pagelle 17 dicembre: Brignone sontuosa, Holtmann sfiora l’impresa, Bassino e Goggia a metà, Shiffrin dov’era?

Si chiude con la splendida vittoria di Federica Brignone il gigante di Courchevel valevole per la Coppa del Mondo 2019-2020 di sci alpino. La fuoriclasse valdostana ha disputato due manche straordinarie per un successo che le da la conferma di essere davvero sulla giusta strada in questo inizio di annata. La gara sulla neve francese ha regalato diverse prime volte, ha visto alcune prestazioni di livello ma, contemporaneamente, anche dei passi falsi sorprendenti. Andiamo, quindi, a consegnare le pagelle di questa giornata di Courchevel.

LE PAGELLE DEL GIGANTE DI COURCHEVEL

Federica Brignone 10: 11esima vittoria in carriera, la prima di questo avvio di stagione che la sta vedendo a livelli altissimi. La valdostana continua a stupire per qualità e continuità e anche oggi a Courchevel non è stata da meno. Prima manche impeccabile, ma nella seconda fa ancora meglio e vola al successo. Sulla neve è leggerissima, sempre precisa di linea, mai una sbavatura. La migliore Brignone di sempre!

Mina Fuerst Holtmann 9.5: non era mai salita sul podio in carriera e oggi non vince per soli 4 centesimi. Non sbaglia nulla, è perfetta per due manche, se non per un paio di porte nel finale che regalano la vittoria a Brignone. La pattuglia norvegese, sempre numerosa e temibile, aggiunge un’altra freccia al proprio arco.

Wendy Holdener 8: centra il suo primo podio in carriera in gigante e non certo per demeriti altrui. La svizzera conclude due discese di alto livello e può festeggiare un meritatissimo terzo posto.

Petra Vlholva 7: quarto posto per la slovacca che sperava nel podio che, tuttavia, le sfugge per appena 4 centesimi. Dopo un avvio di stagione non perfetto Vlhova sta iniziando a macinare risultati e si conferma sempre ai piani alti nelle discipline tecniche.

Viktoria Rebensburg 7: a pari merito con Vlhova, ha il merito di crescere nella seconda manche recuperando 4 posizioni. Per il momento sta brillando maggiormente nelle prove più veloci, ma la tedesca è una garanzia quando il gioco si fa duro.

Marta Bassino 6.5. Peccato. Il secondo posto della prima manche ci aveva illuso. Svanisce il sogno della doppietta azzurra, con la vincitrice di Killington che scivola fino alla settima piazza. Oggi poteva fare di più, ma deve rammaricarsi solo per qualche momento della seconda manche perchè, fino a quel momento, era apparsa impeccabile e leggera sulla neve.

Maria Therese Tviberg 7.5: un’altra norvegese che oggi può festeggiare. 16esima dopo la prima manche, si supera nella seconda fino a salire in ottava posizione. Davvero eccellente.

Marlene Schmotz 7.5: la tedesca sta crescendo gara dopo gara e dopo un inizio di stagione positivo oggi risale dalla 20esima fino alla nona posizione con una seconda manche strepitosa, la migliore in assoluto.

Tessa Worley 5: oggi la francese si aspettava molto di più dalla gara di casa. Delude con una prima manche da nona posizione, ma fa peggio nella seconda. Chiude 11esima a 1.21 da Brignone. Davvero troppo poco.

Sofia Goggia 6.5: media tra una prima manche non al suo livello, conclusa in 26esima posizione (va anche detto che è scesa in un momento non semplice per quanto riguarda vento e visibilità) e una seconda nella quale ha recuperato 10 gradini. Chiude 16esima e può ripartire da qui in gigante.

Mikaela Shiffrin 4: una delle peggiori edizioni delle fuoriclasse statunitense degli ultimi anni. Qui a Courchevel aveva sempre vinto ultimamente, dominando. Oggi non c’era proprio. La versione sbiadita della nativa di Vail già nella prima discesa. Confidava nella rimonta rabbiosa nella seconda discesa ma la fallisce clamorosamente.

Irene Curtoni 5: si qualifica per la seconda manche e poco altro. Aveva a disposizione una pista eccellente nella seconda discesa, ma non cambia marcia e da 25esima che era, perde altre tre posizioni.

alessandro.passanti@oasport.it

Twitter: @AlePasso

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci alpino, la classifica delle italiane più vincenti in Coppa del Mondo. Federica Brignone è terza nella graduatoria

Sci alpino, tutte le vittorie dell’Italia nella Coppa del Mondo femminile. Federica Brignone mette il timbro a Courchevel