Show Player

Sci alpino, Mikaela Shiffrin domina lo slalom di Lienz: strapazzate Vlhova e Gisin. Brignone tredicesima



Mikaela Shiffrin ha vinto lo slalom di Lienz, prova valida per la Coppa del Mondo 2019-2020 di sci alpino. Tutto secondo pronostico, non ci sono state sorprese sul pendio austriaco e la Reginetta indiscussa del Circo Bianco ha letteralmente dominato la scena come ci si aspettava alla vigilia dell’evento. La statunitense si è imposta col tempo complessivo di 1:48.89, ha timbrato così la doppietta in questa località dopo aver trionfato anche nel gigante di ieri (primo back-to-back in carriera a Lienz) e ha infilato la terza vittoria stagionale in questa specialità dove è oggettivamente insuperabile: 64 vittorie nel massimo circuito itinerante con 91 podi complessivi, stiamo parlando di una fuoriclasse fuori da ogni logica che ad appena 24 anni sta continuando a scrivere record.

Mikaela Shiffrin era attesa da una bella sfida con la slovacca Petra Vlhova visto che nella prima manche l’aveva distanziata di “appena” 35 centesimi, nella prova decisiva non c’è stata storia: la sciata dell’americana è stata decisamente più fluida, convincente, pulita e la velocità l’ha premiata nei confronti dell’avversaria che non è stata impeccabile e si è dovuta accontentare del secondo posto a 0.61 di distacco. Vlhova ha comunque conquistato il 29° podio in carriera ed è riuscita a precedere la svizzera Michelle Gisin, bravissima a recuperare cinque posizioni nella seconda manche e a salire sul terzo gradino del podio con un ritardo di 1.72. Alle spalle dell’elvetica si sono piazzate l’austriaca Katharina Liensberger (a 1.88), le tedesche Christina Ackermann (a 1.91) e Lena Duerr (a 2.15), la svizzera Aline Danioth (a 2.47) e la norvegese Mina Fuerst Holtmann (a 2.54).

Loading...
Loading...

Mikaela Shiffrin ha preso il largo in classifica generale: ora ha 746 punti all’attivo, addirittura 295 in più di Federica Brignone e 333 di vantaggio su Vlhova. Nella classifica di specialità il tris di trionfi permette alla statunitense di avere 140 punti di margine nei confronti di Vlhova. Tre italiane si erano qualificate per la seconda manche. Federica Brignone ha concluso in tredicesima posizione a 3.06 dalla vincitrice, l’azzurra si è comunque ben comportata col pettorale 31 e ha ottenuto un risultato discreto in una specialità non sua dopo il quarto posto di ieri in gigante (è leader della classifica di specialità). Irene Curtoni si è invece dovuta accontentare di un poco brillante quattordicesimo posto a 3.31 dalla trionfatrice di giornata non palesando un’ottima condizione sugli sci in entrambe le manche. Lara Della Mea non è andata oltre la ventiquattresima posizione a 4.62.

 

 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI SCI ALPINO

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top