Show Player

Pagelle sci alpino (29 dicembre): Shiffrin stellare, Pinturault non sbaglia, Kilde stupisce, Paris spreca



Con le gare odierne si è concluso ufficialmente il 2019 del Circo Bianco. Da un lato abbiamo assistito alla splendida vittoria di Mikaela Shiffrin nello slalom di Lienz quindi dall’altro al successo di Alexis Pinturault nella combinata di Bormio. Due gare che hanno regalato prestazioni e spunti interessanti. Andiamo, quindi, a consegnare le ultime pagelle dell’anno ai protagonisti della Coppa del Mondo di sci alpino 2019-2020.

LE PAGELLE DI OGGI (29 dicembre 2019)

LE PAGELLE DELLO SLALOM DI LIENZ

Mikaela Shiffrin 10: i numeri ormai la offendono. 64 vittorie, 91 podi a nemmeno 25 anni. Anche oggi ha voluto dare l’ennesima dimostrazione di essere la vera dominatrice di questa era dello sci, per completare anche la doppietta dopo il gigante di ieri. Mette in scena uno show, specialmente nella seconda manche, nella quale ha deliziato gli occhi degli spettatori. Immensa. Fortunati ad essere spettatori delle sue gesta.

Loading...
Loading...

Petra Vlhova 8.5: davvero sfortunata. No, non parliamo di quanto successo oggi in pista. La slovacca centra il 29° podio in carriera ma deve ancora una volta rendersi conto che essere contemporanea a Shiffrin può essere uno stimolo certo, ma è anche una vera beffa. Senza la statunitense avrebbe un bottino di successi ben più ampio, per ora le prova tutte, ma non c’è storia.

Michelle Gisin 8: primo podio in carriera in slalom per la svizzera proprio quando meno te lo aspetti. Chiude a 1.72 dalla vetta, ma si può considerare soddisfatta di essere la prima delle “terrestri”.

Katharina Liensberger 7: ieri primo podio in Coppa del Mondo, oggi sfiora il medesimo risultato anche in slalom, che non coglie per soli 16 centesimi. L’austriaca continua a confermarsi ad altissimi livelli e non fa più notizia.

Christina Ackermann 7.5: un quinto posto che vale quasi come una vittoria. La tedesca parte con il pettorale numero 15 ma già nella prima manche fa capire che oggi c’è, eccome. Il quarto tempo nella seconda la issa in una posizione da sottolineare. Sorpresa!

Marlene Schmotz 7: la giovane tedesca continua a emergere. Parte con il numero 34 ma non si scoraggia e macina posizioni su posizioni. Chiude undicesima a 9 centesimi dalla top ten. Continueremo a sentirne parlare…

Federica Brignone 6: sta attraversando un momento di forma psico-fisica scintillante e prova il colpaccio anche in slalom. Nella prima manche non dispiace e chiude nelle 15, mentre nella seconda non riesce a dare il proprio meglio e si deve accontentare della tredicesima piazza. Punti importanti, ad ogni modo.

Irene Curtoni 5.5: dopo le magre prestazioni precedenti questo 14° posto non è da buttare, ma dalla veterana nata a Échirolles ci aspettiamo risultati migliori e con maggiore continuità.

Lara Della Mea 5: lontana anche da una sufficienza stiracchiata in una prova che la vede chiudere in ventiquattresima posizione. Dalla tarvisiana ci aspettavamo un inizio di stagione decisamente più pimpante, invece continua a faticare a farsi largo.

Wendy Holdener 5: aveva una buona chance oggi, ma la getta via inforcando nella seconda discesa dopo il settimo posto iniziale. Arriva al traguardo come se nulla fosse, provando a fare la furbetta…

Mina Fuerst Holtmann 7; la norvegese continua a stupire. Dopo le ottime cose che sta compiendo in gigante, oggi in slalom si supera e risale dalla sedicesima alla ottava posizione. Stato di grazia!

LE PAGELLE DELLA COMBINATA DI BORMIO

Alexis Pinturault 9.5: vince la sua nona combinata ma senza brillare. Ha la meglio su Kilde per appena 51 centesimi per cui che fatica! Il francese fa il suo e incamera 100 punti importanti che lo rilanciano in classifica generale.

Aleksander Aamodt Kilde 9: il vincitore morale è lui. Il norvegese completa due manche spettacolari. In SuperG è il migliore, quindi in slalom da tutto quello che ha in una disciplina che non è certo nelle sue corde. Chiude ad appena mezzo secondo da Pinturault e vola in vetta alla Coppa del Mondo. La sua domenica è davvero da incorniciare.

Loic Meillard 8: tiene in SuperG, quindi cambia marcia in slalom laddove, con il secondo tempo di manche, recupera ben 5 posizioni. Lo svizzero chiude ad appena 5 centesimi dalla piazza d’onore e tutto sommato ottiene il massimo.

Riccardo Tonetti 7.5: finalmente! Un quarto posto che gli fa tornare il sorriso dopo diverse prove poco soddisfacenti. 17esimo dopo la prova veloce, nello slalom piazza il terzo crono ma il distacco di 1.87 lo tiene lontano da un podio che, forse, poteva anche raggiungere.

Dominik Paris 5.5: media tra l’8 del supergigante e il 3 dello slalom. Nella prova veloce fa il suo e chiude brillantemente secondo alle spalla di Aamodt Kilde. Nella prova tra i pali stretti sbaglia tutto quello che può sbagliare, ma lo fa cercando di dare il massimo, ed è un aspetto importante. Non corre in difesa, ma attacca. Per sua sfortuna gli errori sono diversi e pesantissimi. Chiude con un ritardo abissale, ma qualche punto lo porta comunque a casa. Il suo fine settimana lo aveva già ampiamente griffato con la doppietta in discesa…

Victor Muffat-Jeandet 6; anche nel suo caso gara dai due volti. Disastroso nel SuperG, rimonta alla grande nella prova tra i pali stretti, con 24 gradini risaliti fino alla 11esima piazza a mezzo secondo dalla top10.

Stefan Hadalin 4: solitamente in combinata sa dare il proprio meglio. Rovina tutto già nel supergigante, concluso a quasi 5 secondi dai migliori. Occasione gettata alle ortiche.

Luca Aerni 4: era uno dei candidati più papabili alla top5 della gara odierna, ma esce di scena dopo pochi secondi già nel corso del SuperG. Brutto passo falso per lo svizzero.

 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS DI SCI ALPINO

alessandro.passanti@oasport.it

Twitter: @AlePasso

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top