Show Player

Tennis, Jannik Sinner e la scalata del ranking ATP: dove può arrivare vincendo il Challenger di Ortisei? E quanti soldi guadagnerà?



Jannik Sinner affronterà il francese Antoine Hoag nelle semifinali del Challenger di Ortisei 2019, torneo di tennis in corso di svolgimento nell’amena località altoatesina dove è arrivata anche la neve nel corso di questa settimana. L’azzurro, reduce dal trionfo alle Next Gen ATP Finals, si è presentato a questo appuntamento da padrone di casa e vuole incantare il proprio pubblico: il 18enne punta senza mezzi termini al trionfo in questa manifestazione ed è il grande favorito della vigilia, oggi pomeriggio (non prima delle ore 14.00) se la dovrà vedere con il transalpino e non dovrà sottovalutare l’avversario se vorrà poi andare a giocarsi l’atto conclusivo contro il vincente del confronto tra Luca Vanni e l’austriaco Sebastian Ofner.

Jannik Sinner è esploso in questa stagione, è entrato di prepotenza tra i migliori cento giocatori al mondo, ha raggiunto le semifinali dell’ATP di Anversa dopo aver disputato il primo turno agli US Open e ha poi strabiliato a Milano imponendosi nel torneo di fine stagione riservato agli otto migliori under 21 del Pianeta. Ora bisogna mettere la ciliegina sulla torta e vincere in casa in modo da migliorare ulteriormente il ranking ATP e arricchire il conto in banca anche se il montepremi del Challenger di Ortisei è davvero molto basso.

Janniker Sinner, alzando al cielo il trofeo, porterebbe a casa 80 punti ATP grazie ai quali dovrebbe risalire al 78° posto del ranking (al momento è virtualmente il numero 88) e intascherebbe un discreto riconoscimento economico di 6190 euro. Perdendo la finale si dovrà invece accontentare di essere numero 83 con un assegno di 3650 euro mentre perdendo oggi con l’eliminazione in semifinale dovrebbe rimanere numero 88 con 2160 euro in più sul conto corrente.

 

Loading...
Loading...

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

Loading...

Lascia un commento

scroll to top