Show Player

Giro d’Italia 2020: il percorso, le salite, i possibili partecipanti, il calendario. Tutto sulla Corsa Rosa



Il Giro d’Italia 2020 si correrà da sabato 9 maggio a domenica 31 maggio, si preannuncia grande spettacolo nel corso delle 21 tappe che ci terranno compagnia in piena primavera. Diamo uno sguardo al percorso, al calendario della Corsa Rosa, alle tante salite offerte, ai ciclisti che potrebbero essere al via e a tanto altro ancora.

 

Loading...
Loading...

PERCORSO GIRO D’ITALIA 2020:

Il Giro d’Italia 2020 inizierà sabato 9 maggio e si concluderà domenica 31 maggio. Si scatterà dall’Ungheria dove andranno in scena le prime tre tappe: una cronometro individuale di 8,6 km a Budapest e poi due frazioni per velocisti prima di ritornare dal Bel Paese. Si ripartirà con tre frazioni in Sicilia tra cui spicca quella con l’arrivo sull’Etna dal versante inedito di Piano Provenzana. Poi risalita dello Stivale passando per Calabria, Puglia e Abruzzo con alcune tappe indirizzate ai velocisti e altre particolarmente mosse.

Si inizierà a fare sul serio nel finale della seconda settimana con la Cesenatico-Cesenatico (3400 metri di dislivello sul tracciato della Nove Colli), la Cronometro del Prosecco (33,7 chilometri esigenti tra Conegliano e Valdobbiadene), l‘arrivo in salita a Piancavallo. Ultima settimana davvero da brividi con ben tre giornate da cinque stelle di difficoltà: quella con arrivo a Madonna di Campiglio, quella dei Laghi di Cancano dopo aver scalato lo Stelvio e poi il tappone piemontese con Colle dell’Agnello, Izoard, Monginevro e Sestriere. Finale con una cronometro di 16,5 km a Milano. Di seguito il percorso del Giro d’Italia 2020 con le date e le stellette di difficoltà di tutte le tappe.

IL PERCORSO AI RAGGI X E LE 21 TAPPE NEL DETTAGLIO

 

GIRO D’ITALIA 2020: CICLISTI PRESENTI E ASSENTI

PRESENTI SICURI:

Vincenzo Nibali darà l’assalto al terzo Giro d’Italia della sua gloriosa carriera, lo Squalo vestirà la nuova casacca della Trek-Segafredo e si cimenterà nella corsa di tappa con l’obiettivo di alzare al cielo il Trofeo Senza Fine. Il siciliano ha già confermato ufficialmente la sua presenza e sulle strade nostrane dovrà anche preparare le Olimpiadi di Tokyo 2020 e i Mondiali di Martigny, i grandi obiettivi della stagione. Anche il francese Romain Bardet (AG2R La Mondiale) ha ufficializzato la partecipazione rinunciando al Tour de France per la prima volta in carriera dopo aver già ottenuto due podi nella corsa di casa, il transalpino può assolutamente puntare al successo anche se le cronometro sembrano sfavorirlo. Peter Sagan, tre volte Campione del Mondo, debutterà finalmente al Giro e cercherà di vincere delle tappe.

IN ATTESA DI DECISIONE:

Chi porterà il Team Ineos? Due tra Richard Carapaz, Egan Bernal e Geraint Thomas. L’ecuadoriano è il detentore del trofeo e quasi sicuramente si presenterà per difenderlo, il colombiano ha vinto l’ultimo Tour de France e potrebbe anche tentare la doppietta, il britannico potrebbe sfruttare le cronometro: la corazzata è attesa da una scelta difficile. Dubbi anche tra le fila della Jumbo-Visma ma lo sloveno Primoz Roglic (terzo nell’ultima edizione e vincitore della Vuelta di Spagna) e Tom Dumoulin (vincitore nel 2017 e reduce da un’annata tormentata dall’infortunio subito proprio alla Corsa Rosa) dovrebbero puntare sul Tour de France, potrebbe allora venire Steven Kruijswijk. Da capire cosa vorranno fare i gemelli Simon e Adam Yates, la UAE Emirates manderà lo sloveno Tadej Pogacar? Cosa farà il giovane fenomeno Remco Evenepoel?

PROBABILI ASSENTI:

Fabio Aru potrebbe puntare sul Tour de France per il suo grande ritorno dopo due stagioni critiche.

ASSENTI SICURI:

Chris Froome punterà tutto sul Tour de France, il britannico è reduce dal terribile infortunio patito al Giro del Delfinato e ha dovuto saltare il Tour de France sottoponendosi a ben tre interventi e a sei mesi di riabilitazione. L’alfiere del Team Sky si concentrerà esclusivamente sulla Grande Boucle dove andrà a caccia del quinto sigillo in carriera. Non vedremo nemmeno il colombiano Nairo Quintana che è passato all’Arkéa-Samsic e tenterà l’ennesimo assalto in terra transalpina dopo tanti fallimenti. Anche il francese Thibaut Pinot punterà alla corsa di casa come l’australiano Richie Porte visto che la Trek-Segafredo si affiderà a Vincenzo Nibali al Giro. Lo spagnolo Mikel Landa ha finalmente l’occasione di essere capitano unico al Tour de France e sicuramente la sfrutterà rinunciando così alla Corsa Rosa.

 

GIRO D’ITALIA 2020: TUTTE LE SALITE E I GPM

PRIMA TAPPA (Budapest-Budapest, cronometro individuale): GPM sul traguardo, ultimi 1,3 km in salita con i primi 300 metri al 14% e ultimo chilometro al 5%.

SECONDA TAPPA (Budapest-Gyor): GPM a Savabar dopo 20,3 km e a Pannonhalma a 26 km dal traguardo ma sono asperità semplici, arrivo in volata.

TERZA TAPPA (Szekesfehervar-Nagykanizsa): GPM a Tihany dopo 75,5 km. Nessuna difficoltà in una tappa praticamente piatta adatta ai velocisti.

QUARTA TAPPA (Monreale-Agrigento): GPM sul traguardo, saranno 4 km al 5% ma ci saranno delle punte al 10%. Arrivo adatto a finisseur.

QUINTA TAPPA (Enna-Etna): primo arrivo in salita del Giro d’Italia, si scala l’inedito versante di Piano Provenzana. Si tratta di 18,2 km al 6,8% di pendenza media ma con gli ultimi 3 km costantemente al 9% e alcuni tratti in doppia cifra.

SESTA TAPPA (Catania-Villafranca Tirrena): solo un GPM a 40 km dal traguardo, il Portella Mandrazzi è pedalabile ed è annunciato un arrivo in volata.

SETTIMA TAPPA (Mileto-Camigliatello Silano): nella fase iniziale sono presenti i GPM di Catanzaro e Monte Trearie, attenzione però al Valico di Montescuro perché si tratta di un dislivello di 1500 metri e dalla cima mancheranno solo 10 km al traguardo (tutti in discesa).

OTTAVA TAPPA (Castrovillari-Brindisi): non ci sono GPM.

NONA TAPPA (Giovinazzo-Vieste): GPM a Monte Sant’Angelo (a 90 km dal traguardo) e a Coppa Santa Teca (a 49 km dall’arrivo) ma il finale è molto impegnativo con alcuni strappi anche se non segnalati come gran premi della montagna.

DECIMA TAPPA (San Salvo-Tortoreto Lido): gli ultimi 50 km sono esigenti con il muro di Tortoreto da affrontare per ben due volte (l’ultima a 16 km dall’arrivo) e lo strappo da brividi di Colonnella (punte al 22% a 33 km dall’arrivo).

UNDICESIMA TAPPA (Porto Sant’Elpidio-Rimini): solo il “zampellotto” di Monte San Bartolo a metà tappa segnato come GPM, annunciata la volata di gruppo.

DODICESIMA TAPPA (Cesenatico-Cesenatico): 3400 metri di dislivello sul tracciato della mitica Nove Colli. Cinque GPM nella parte centrale: Ciola, Barbotto, Perticara, Madonna di Pugliano, Passo delle Siepi. Ultimi 30 km in pianura.

TREDICESIMA TAPPA (Cervia-Monselice): dopo 157 km totalmente pianeggianti, ecco due GPM molto impegnativi. Prima il Passo Roverello (4 km da non sottovalutare) e poi il Muro di Calaone con picchi del 20%, dalla cima mancheranno 16 km al traguardo (prima discesa e poi pianura).

QUATTORDICESIMA TAPPA (Conegliano-Valdobbiadene, cronometro individuale): non ci sono GPM ma il Muro di Cà del Poggio (pendenze fino al 19%) e continui saliscendi rendono il percorso molto impegnativo.

QUINDICESIMA TAPPA (Rivolto-Piancavallo): Sella Chianzutan e Forcella di Monte Rest per scaldare la gamba, poi Forcella di Pala Barzana e arrivo in salita a Piancavallo: 14,5 km al 7,8% di media con i primi sei chilometri quasi costantemente in doppia cifra.

SEDICESIMA TAPPA (Udine-San Daniele del Friuli): la Madonnina del Domm e il Monte Spig animeranno la parte iniziale della tappa, poi ci sarà il Monteaperta. Nel finale bisognerà scalare il Monte di Ragogna per ben tre volte (2,8 km al 10,4% di pendenza media con punte del 16%), l’ultima volta a 13 km dal traguardo.

DICIASSETTESIMA TAPPA (Bassano del Grappa-Madonna di Campiglio): oltre 5000 chilometri di dislivello. Si incomincia con l’inedita Forcella Valbona (21,9 km al 6,6%), poi il Monte Bondone dal versante inedito di Aldeno (20,2 km al 6,8% di pendenza media ma la seconda parte è al 9%), a seguire il Passo Durone (10,4 km al 6%) prima dell’arrivo in salita a Madonna di Campiglio (12,5 km al 5,7%).

DICIOTTESIMA TAPPA (Pinzolo-Laghi di Cancano): si parte subito in salita con il Campo Carlo Magno, poi Hofmandjoch e si entra nel vivo. Il Passo dello Stelvio sarà la Cima Coppi con i suoi 2758 metri sul livello del mare (24,7 km al 7,5% di pendenza media ma gli ultimi 14 km sono all’8,6% con delle massime al 12%) e infine l’inedito arrivo ai Laghi di Cancano (8,7% al 6,8%, poi ultimi 2 km totalmente pianeggianti).

DICIANNOVESIMA TAPPA (Morbegno-Asti): non ci sono GPM.

VENTESIMA TAPPA (Alba-Sestriere): tappone micidiale. Nell’ordine: Colle dell’Agnello (21,3 km al 6,8% di pendenza media ma con gli ultimi 11 km al 9,3% e punte del 15%) anche se la cima è posta a 93 km al traguardo, poi Izoard (14,2 km al 7,1% di media con la seconda parte al 9%), il Monginevro (8,4 km al 6%) e l’arrivo in salita al Sestriere (11,4 km al 6%).

VENTUNESIMA TAPPA (Cernusco sul Naviglio-Milano, cronometro individuale): non ci sono GPM.

 

GIRO D’ITALIA 2020: IL CALENDARIO E LE DATE DELLE 21 TAPPE

Sabato 9 maggio, PRIMA TAPPA: Budapest-Budapest (cronometro individuale, 8,6 km) **

Domenica 10 maggio, SECONDA TAPPA: Budapest-Gyor (195 km) *

Lunedì 11 maggio, TERZA TAPPA: Szekesfehervar-Nagykanizsa (204 km) *

Martedì 12 maggio, QUARTA TAPPA: Monreale-Agrigento (136 km) **

Mercoledì 13 maggio, QUINTA TAPPA: Enna-Etna Piano Provenzana (150 km) ****

Giovedì 14 maggio, SESTA TAPPA: Catania-Villafranca Tirrena (138 km) **

Venerdì 15 maggio, SETTIMA TAPPA: Mileto-Camigliatello Silano (223 km) ***

Sabato 16 maggio, OTTAVA TAPPA: Castrovillari-Brindisi (216 km) *

Domenica 17 maggio, NONA TAPPA: Giovinazzo-Vieste (198 km) ***

Lunedì 18 maggio, GIORNO DI RIPOSO

Martedì 19 maggio, DECIMA TAPPA: San Salvo-Tortoreto Lido (212 km) ***

Mercoledì 20 maggio, UNDICESIMA TAPPA: Porto Sant’Elpidio-Rimini (181 km) **

Giovedì 21 maggio, DODICESIMA TAPPA: Cesenatico-Cesenatico (205 km) ****

Venerdì 22 maggio, TREDICESIMA TAPPA: Cervia-Monselice (190 km) **

Sabato 23 maggio, QUATTORDICESIMA TAPPA: Conegliano-Valdobbiadene (cronometro individuale, 33,7 km) ****

Domenica 24 maggio, QUINDICESIMA TAPPA: Rivolto-Piancavallo (183 km) ****

Lunedì 25 maggio, GIORNO DI RIPOSO

Martedì 26 maggio, SEDICESIMA TAPPA: Udine-San Daniele del Friuli (228 km) ****

Mercoledì 27 maggio, DICIASSETTESIMA TAPPA: Bassano del Grappa-Madonna di Campiglio (202 km) *****

Giovedì 28 maggio, DICIOTTESIMA TAPPA: Pinzolo-Laghi di Cancano (209 km) *****

Venerdì 29 maggio, DICIANNOVESIMA TAPPA: Morbegno-Asti (251 km) *

Sabato 30 maggio, VENTESIMA TAPPA: Alba-Sestriere (200 km) *****

Domenica 31 maggio, VENTUNESIMA TAPPA: Cernusco sul Naviglio-Milano (cronometro individuale, 16,5 km) **

 

GIRO D’ITALIA 2020: COME VEDERLO IN DIRETTA TV E STREAMING

Diretta tv sui canali Rai (RaiSport per la fase iniziale della tappa, Rai Due per quella conclusiva).

Diretta tv su Eurosport.

Diretta streaming su Rai Play e su Eurosport.

DIRETTA LIVE scritta su OA Sport.

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top