Ciclismo, Mondiali 2019: le pagelle. Pedersen centra una vittoria incredibile, Trentin non riesce a finalizzare il grande lavoro dell’Italia

Il danese Mads Pedersen ha conquistato il titolo ai Mondiali 2019 di ciclismo nello Yorkshire (Gran Bretagna), battendo sul traguardo di Harrogate l’azzurro Matteo Trentin e lo svizzero Stefan Küng. Andiamo quindi a scoprire i voti dei protagonisti odierni con le pagelle della prova in linea Elite maschile dei Mondiali 2019 di ciclismo.

Mads Pedersen 10: una vittoria incredibile, un trionfo storico, visto che è il primo titolo di sempre per la Danimarca. Guardando il palmares di questo ragazzo di 23 anni era davvero difficile metterlo tra i papabili per una medaglia e invece lui sulla strada ha dimostrato di essere il più forte e anche il più astuto. Infatti è stato il primo a riportarsi su Küng e Craddock e poi ha gestito al meglio le energie nel finale, staccandosi anche leggermente sull’ultima salita, per poi dare tutto nello sprint finale, in cui si è imposto nettamente potendo così esultare per un risultato straordinario.

Matteo Trentin 6.5: riporta l’Italia sul podio, conquistando un argento che sarebbe stato ottimo alla vigilia, ma per come è arrivato rappresenta più che altro una grande occasione persa. Era stato bravissimo a seguire van der Poel e dopo che l’olandese si era staccato, sembrava fatta, visto che sulla carta era superiore allo sprint di Pedersen e Küng. Purtroppo così non è stato, perché in volata è forse partito troppo lungo, ma comunque non ha avuto le gambe ed è stato saltato con assoluta facilità da Pedersen. Serviva quel guizzo che cambia una carriera e non è arrivato.

Stefan Küng 9: grandissima prestazione per lo svizzero, che ha attaccato a oltre 65 km dal traguardo, riportandosi su Craddock e poi si è gestito in modo impeccabile, riuscendo a restare sempre al comando e assicurandosi così una medaglia. Quando ha visto in difficoltà Moscon ha fatto il forcing per staccarlo, altra mossa azzeccata, essendo consapevole che in volata non avrebbe potuto battere Trentin e Pedersen.

Gianni Moscon 9: ha dato tutto per la squadra con una prova di umiltà che gli fa onore. Nel momento chiave è stato brillante, riuscendo a raggiungere subito gli attaccanti. È diventato così una pedina fondamentale in supporto a Trentin, per il quale si è messo a tirare a tutta. Nel penultimo giro si era staccato, ma poi con grande cuore e grinta è rientrato e ha dato un’altra accelerata, riuscendo nell’obiettivo di tagliare fuori dai giochi il rivale numero uno, ovvero van der Poel.

Peter Sagan 6: non è lo si è praticamente mai visto per tutta la corsa, poi all’ultimo giro ha sferrato un attacco secco, facendo il vuoto e mettendosi all’inseguimento dei battistrada. Un’azione che è stata brillante, ma troppo tardiva, visto che ormai era impossibile ridurre il gap. Ha sbagliato quindi totalmente i tempi, perché se si fosse mosso prima avrebbe potuto davvero riaprire i giochi.

Sonny Colbrelli e Alberto Bettiol 8: quello dell’Italia è stato un perfetto gioco di squadra e bisogna dare merito anche agli altri componenti della Nazionale. Questi due azzurri sono stati brillantemente nel gruppo e hanno fatto un lavoro prezioso, spezzando i cambi delle altre squadre e impedendo così di chiudere sulla testa.

Davide Cimolai 7.5: mezzo voto in meno dei precedenti perché si è staccato prima dei compagni e non è riuscito quindi a dare il proprio contributo nel finale. Resta comunque anche per lui un’ottima prova nella parte restante della corsa.

Mathieu van der Poel 5: il grande favorito della vigilia non ha rispettato il pronostico, andando in crisi nel finale. Si era riportato con grande facilità sulla testa della corsa ed era lì a giocarsi il titolo, poi però nell’ultimo giro si è spenta luce. L’olandese si è piantato, con una crisi improvvisa e clamorosa. Ha osato troppo e non si è gestito a dovere, dovendo così dire addio ai sogni di gloria.

Davide Cassani 9: l’Italia è stata indubbiamente la squadra migliore di questo Mondiale, grazie ad una condotta tattica magistrale, di cui il CT è stato l’artefice. Cassani ha saputo guidare al meglio gli azzurri, leggendo perfettamente la corsa e dando l’indicazione di muoversi nel finale per rispondere agli attacchi. Così prima Moscon e poi Trentin sono balzati al comando, mettendo l’Italia nella posizione tattica migliore, peccato che non sia bastata per salire sul gradino più alto del podio.

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

alessandro.farina@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Yorkshire 2019/SWPix.com

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, quanti soldi ha guadagnato Mads Pedersen vincendo i Mondiali? Cifra irrisoria, vale più una tappa al Giro d’Italia

Ciclismo, Mondiali 2019: Davide Cassani demiurgo straordinario, tutte le mosse azzeccate. Italia la squadra migliore