Show Player

Tennis, WTA Cincinnati 2019: i risultati del 16 agosto. Si ritira Naomi Osaka, esce Karolina Pliskova: Ashleigh Barty può tornare numero uno al mondo



Giocati i quarti di finale del torneo WTA Premier 5 di Cincinnati: sul cemento outdoor statunitense arriva ad un punto di svolta la lotta a tre per la vetta del ranking mondiale, dato che oggi si registrano il ritiro della nipponica Naomi Osaka, la vittoria dell’australiana Ashleigh Barty e la sconfitta della ceca Karolina Pliskova.

L’australiana Ashleigh Barty, numero 1 del seeding, batte in rimonta l’ellenica Maria Sakkari, imponendosi con in punteggio di 5-7 6-2 6-0 ed ora potrà riprendersi il numero 1 mondiale: l’australiana dovrà battere in semifinale  la wild card russa Svetlana Kuznetsova, che firma un’altra grande impresa battendo, anch’ella in rimonta, la ceca Karolina Pliskova, numero 3 del tabellone e del mondo, sconfitta con il punteggio di 3-6 7-6 (2) 6-3.

Loading...
Loading...

Non c’è storia nel derby statunitense, dominato dalla testa di serie numero 16, Madison Keys, che supera nettamente Venus Williams con l’eloquente score di 6-2 6-3 e nel penultimo atto affronterà la connazionale Sofia Kenin, che approfitta del ritiro della nipponica Naomi Osaka, numero 2 del tabellone, che alza bandiera bianca quando la statunitense era in vantaggio per 6-4 1-6 2-0 a causa di un fastidio ala gamba sinistra, nella zona intorno a ginocchio, già abbondantemente fasciata prima dell’inizio del match.

WTA Premier 5 Cincinnati – Risultati del 16 agosto (Quarti di finale)
Ashleigh Barty (Austraia, 1) b. Maria Sakkari (Grecia) 5-7 6-2 6-0
Svetlana Kuznetsova (Russia, WC) b. Karolina Pliskova (Repubblica Ceca, 3) 3-6 7-6 (2) 6-3
Madison Keys (USA, 16) b. Venus Williams 6-2 6-3
Sofia Kenin (USA) b. Naomi Osaka (Giappone, 2) 6-4 1-6 2-0 ritiro

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

 

roberto.santangelo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Oleksandr Osipov shutterstock

Loading...

Lascia un commento

scroll to top