Giro di Polonia 2019: Luka Mezgec trova il bis, Pascal Ackermann resta leader

Dopo la tragica scomparsa di Bjorg Lambrecht e il commosso omaggio del gruppo nella frazione di ieri, si torna a gareggiare al Giro di Polonia 2019 e nella quinta tappa arriva il successo dello sloveno Luka Mezgec, che fa centro sul traguardo di Bielsko-Biała e firma così la doppietta dopo la vittoria a Katowice. Il tedesco Pascal Ackermann difendere invece la maglia di leader, in attesa delle ultime due decisive tappe.

La corsa riparte dopo la tragedia, con la Lotto Soudal che ha scelto di continuare a correre per onorare il proprio compagno e infatti nella fuga di giornata è presente Jelle Wallays, insieme a Charles Planet (Novo Nordisk), Kamil Gradek (CCC) e Szymon Rekita (Polonia). Questo quartetto si forma subito nei primi chilometri e caratterizza gran parte della frazione, visto che i fuggitivi vengono ripresi a 33 km dal traguardo. Partono poi al contrattacco diversi corridori e si forma un terzetto al comando con Simon Geschke (CCC), Matej Mohorič (Bahrain Merida) e Tsgabu Grmay (Mitchelton-Scott). Anche questo tentativo viene però annullato a 7 km dalla conclusione.

Ai -1,5 km prova a sorprendere tutti Miguel Ángel López (Astana) che attacca, seguito a ruota dal campione italiano Davide Formolo (Bora-Hansgrohe), ma il Team INEOS reagisce prontamente e chiude il gap. Ci si gioca così la vittoria in volata, con Luka Mezgec (Mitchelton-Scott) che si impone con uno sprint di grande potenza sull’arrivo in leggera salita, battendo Eduard Prades (Movistar) e Ben Swift (Team INEOS). Nella top 10 troviamo anche un corridore italiano, Enrico Battaglin (Katusha Alpecin), che si piazza al settimo posto. In classifica generale resta quindi leader Ackermann con 4” di vantaggio su Mezgec e 16” su Swift.

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

alessandro.farina@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Shutterstock

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Beach volley, Europei 2019. Lupo/Nicolai travolgenti: battuti Doppler/Horst. Primo stop per Rossi/Carambula

Ciclismo, Europei 2019: l’Olanda si prende la prima Mixed Relay della storia. Bronzo per l’Italia