Ciclismo, Europei 2019: il ct Cassani lavora per costruire un treno per Elia Viviani. Fabio Sabatini sarà l’ultimo uomo di lusso

La Nazionale Italiana di ciclismo è pronta a difendere il titolo nella prova in linea Elite maschile agli Europei 2019 di ciclismo su strada. Domenica 11 agosto ad Alkmaar (Olanda) gli azzurri proveranno a ripetere l’impresa dello scorso anno, quando Matteo Trentin si impose a Glasgow. Il 30enne nativo di Borgo Valsugana sarà nuovamente l’uomo di riferimento in caso di corsa dura, ma il percorso quasi totalmente piatto sembra più adatto sulla carta ai velocisti puri.

Per questo il capitano della squadra azzurra sarà Elia Viviani. Il futuro corridore della Cofidis è reduce dal successo alla RideLondon-Surrey Classic, in cui ha dimostrato di avere la giusta condizione per puntare a conquistare la maglia di campione europeo. In una volata di gruppo il veronese sarà tra i grandi favoriti e il ct Davide Cassani sta cercando di costruire un treno che possa supportare al meglio Viviani allo sprint. Come visto anche a Londra, il treno della Deceuninck-Quick Step risulta una componente decisiva nelle vittorie del veronese e per questo sarà fondamentale che anche in questa rassegna continentale possa essere lanciato al meglio, per riuscire a battere corridori del calibro di Dylan Groenewegen, Pascal Ackermann, Sam Bennett ed Arnaud Démare.

Gli Europei di ciclismo sono su Eurosport  | Guarda ora Eurosport su DAZN  | Il Primo Mese è Gratis

L’ultimo uomo sarà sicuramente Fabio Sabatini. Infatti il 34enne toscano è il gregario di fiducia di Viviani, che lo ha sempre pilotato nelle volate con la Deceuninck-Quick Step e infatti lo seguirà anche il prossimo anno nel passaggio alla Cofidis. Davanti a lui ci dovrebbero essere Davide Cimolai e Simone Consonni, entrambi abituati a far parte di treni importanti. Cimolai, prima dell’ottima stagione con la Israel Cycling Academy, è stato infatti l’ultimo uomo di Démare alla FDJ, mentre Consonni nella UAE-Team Emirates tira spesso le volate a Fernando Gaviria. Potrebbe far parte del treno anche Trentin, che darebbe un contributo importante per lanciare la volata, ma ciò dipenderà dallo svolgimento tattico della corsa e se verrà già utilizzato in precedenza in qualche azione da lontano. Infine in alternativa ci sarebbero poi Davide Ballerini e Andrea Pasqualon, anche loro ottimi velocisti.

Guarda Live su DAZN i canali di Eurosport. Attiva subito il tuo mese gratis

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

alessandro.farina@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Pier Colombo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, Europei 2019 cronometro donne juniores: Shirin Van Anrooij vince l’oro davanti alla russa Gareeva. Le azzurre fuori dal podio

Tuffi, Europei 2019: Lorenzo Marsaglia domina la qualifica del metro, in finale anche Giovanni Tocci