Volley femminile, Universiadi 2019: l’Italia si arrende al cospetto della Russia, azzurre d’argento a Eboli

L’Italia si è dovuta accontentare della medaglia d’argento nel torneo di volley femminile alle Universiadi 2019, le azzurre sono state sconfitte dalla Russia per 3-1 (25-21; 15-25; 26-24; 25-18) nella finale della kermesse riservata agli studenti di tutto il mondo. Questa sera, al PalaSele di Eboli (in provincia di Salerno), la nostra Nazionale non è riuscita a esprimersi al massimo delle proprie potenzialità contro un avversario sempre ostico e non è riuscita a salire sul gradino più alto del podio al termine di un buon torneo.

Le ragazze di coach Paglialunga hanno commesso qualche errore di troppo nel primo set, ma hanno prontamente reagito nella frazione successiva pareggiando i conti. La partita si è sostanzialmente risolta nel terzo parziale dove le nostre portacolori hanno sciupato delle buone occasioni e hanno perso ai vantaggi non riuscendo poi a rialzare la testa nel quarto set. L’opposto Anna Nicoletti ha chiuso da top scorer (14 punti), doppia cifra anche per Elena Perinelli (12) ma la regina della serata è stata una super Lazareva da 24 marcature. L’Italia ha conquistato la terza medaglia della sua storia alle Universiadi dopo quelle d’oro del 1991 e del 2009.

ITALIA-RUSSIA 1-3 (21-25, 25-15, 24-26, 18-25)

ITALIA: Perinelli 12, Botezat 9, Nicoletti 14, Villani 8, Berti 5, Cambi 1, De Bortoli (L). Napodano, Angelina 4, Nwakalor 2, Bosio. N.e: Molinaro. All. Paglialunga
RUSSIA: Zaitseva 8, Novik, Voroeyeva 8, Evoakimova 9, Lazareva 24, Sperskaite 15, Kurnosova (L). Ryseva, Zubareva 1. N.e: Smirnova, Stlnaya, Russu. All. Voronkov
Durata set: 27’, 23’, 30’, 25’.
Italia: 1 a, 11 bs, 11 mv, 26 et.
Russia: 8 a, 15 bs, 11 mv, 33 et.
Note: cartellino rosso alla Russia nel 4° set sul 12-16.

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Federvolley

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo su pista, Europei juniores e under 23 2019: oro Gasparrini, bronzo Vece. Bruttissimo infortunio per Gobbo

Pallanuoto, Mondiali 2019: come funzionano le nuove regole? Tutte le novità e cosa è cambiato rispetto al passato