Giro d’Italia Under23: i favoriti. Joao Almeida tenta il colpo, occhio all’olandese Arensman

Un percorso davvero durissimo, pieno di insidie e soprattutto di salite (dal doppio Mortirolo al Monte Fedaia in conclusione): il Giro d’Italia Under 23 2019 si prepara a scattare e sarà sicuramente molto spettacolare. Tanta attesa per lo start di Riccione, il 13 giugno, con un breve prologo: andiamo a scoprire i papabili favoriti per la vittoria finale (ovviamente in queste categorie giovanili è sempre difficile fare pronostici).

Uno dei nomi più attesi è quello dell’olandese Thymen Arensman. Secondo nell’ultima edizione del Tour de l’Avenir, alle spalle di uno scatenato Tadej Pogačar, che sta già dando spettacolo a livello professionistico. Il 20enne della SEG Racing Academy in salita si difende al meglio, anche se in questo inizio di stagione non è partito proprio al meglio.

Chi ha già ottenuto successi in questo 2019 è il giovanissimo (classe 2000) Kevin Vermaerke. Statunitense, si è imposto alla grande alla Liegi-Bastogne-Liegi di categoria, per poi andare a gareggiare con la sua Hagens Berman Axeon tra i pro al Tour de Yorkshire, dove si è comportato benissimo, cogliendo la 21ma piazza in classifica generale.

Sempre con la compagine statunitense troviamo João Almeida. Portoghese, quest’anno spesso e volentieri impegnato tra i professionisti: nella scorsa stagione ha chiuso secondo in classifica al Giro under 23 e settimo al Tour de l’Avenir, dimostrando le grandi doti nelle corse a tappe. Può davvero fare la differenza con un anno in più di esperienza.

Britannico è Mark Donovan: tesserato per il Team Wiggins Le Col. 20enne ha chiuso in quarta posizione nella passata edizione del Giro, sfiorando la top-10 anche al Tour de l’Avenir.

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Comunicato Stampa Giro under 23

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Calcio: la Roma ufficializza il portoghese Paulo Fonseca come nuovo allenatore per le prossime due stagioni

F1, GP Francia 2019: le gomme scelte da Ferrari, Mercedes e Red Bull a Le Castellet