Show Player

Internazionali d’Italia 2019, un folle spettacolo in due atti al Foro Italico: secondo e terzo turno tutto in un giorno con tante stelle e azzurri in campo


Roger Federer | Credits: ReflectedLight / Shutterstock


Giove Pluvio l’ha architettata proprio bene. Ebbene sì, la pioggia incessante della giornata appena trascorsa ha costretto gli organizzatori degli Internazionali d’Italia 2019 di tennis a mutare drasticamente il programma degli incontri ed a proporre una scorpacciata di match nello stesso giorno, comprendente il secondo e il terzo turno del torneo. Per noi comuni mortali una follia e per i giocatori in campo che cosa sarà? Si comincerà alle ore 10 del mattino perché questo spettacolo in due atti richiede ritmo serrato e tempestività ed ecco che le stelle del torneo e gli azzurri saranno obbligati ad un tour de force mica da ridere.

Partendo dal migliore di tutti (forse), che è tornato a tre anni di distanza sul rosso capitolino, si potrebbe prefigurare quanto detto in precedenza. Roger Federer, il “Maestro” che mai ha fatto suo il 1000 romano, dovrà vedersela contro il portoghese Joao Sousa, nel secondo match sul Centrale, e poi, eventualmente, sfidare sul Granstand il croato Borna Coric, a cui ha saputo infliggere una dura lezione a Dubai. Ma qui siamo sul red carpet, qui è tutta un’altra storia. Nel festival della follia tennistica non possono mancare gli altri due grandi: lo spagnolo Rafael Nadal (n.2 del ranking) e il serbo Novak Djokovic (n.1 del mondo). L’iberico, reduce dal ko in semifinale a Madrid contro il greco Stefanos Tsitsipas, giocherà contro il francese Jeremy Chardy sul Granstand. Per il transalpino la tradizione contro i giocatori top-3 non è delle migliori e pertanto per Rafa le possibilità di un terzo turno sono molte. In questo caso al maiorchino spetterebbe il compito di aprire la sessione serale sul Centrale contro il georgiano Nikoloz Basilashvili. Per quanto concerne Nole, la sfida al geniale Denis Shapovalov è insidiosa ma la solidità messa in mostra dal nativo di Belgrado nell’ultimo 1000 in Spagna è stata impressionante: mai un’incertezza, mai un’esitazione. Ecco che i favori del pronostico sono tutti per lui e se dovesse compiersi ciò che tutti ci aspettiamo si potrebbe venire a creare un qualcosa di strettamente legato al Bel Paese.

Loading...
Loading...

Ci si riferisce ad un possibile ottavo di finale contro il nostro Marco Cecchinato, sul Grandstand, rivincita di quanto accadde nel Roland Garros l’anno passato. Il siciliano però prima di poter pensare di confrontarsi con Djokovic dovrà vincere sul campo 2 contro il tedesco Phillip Kohlschreiber. Una sfida inedita, aperta ad ogni risultato, nella quale l’azzurro dovrà esprimere il proprio miglior tennis per sperare di spuntarla contro il mancino teutonico. Per quanto riguarda il resto della truppa italiana, Matteo Berrettini, reduce dal successo di Budapest, finalista a Monaco e protagonista al Foro Italico dello splendido successo contro il n.5 del mondo Alexander Zverev (campione a Roma 2 anni fa e finalista l’anno passato), attende il vincente del match tra l’argentino Diego Schwartzman e lo spagnolo Albert Ramos, in una partita valida per gli ottavi di finale. Discorso diverso per Fabio Fognini e Jannik Sinner che, in caso di vittoria, dovranno sostenere il doppio sforzo. Il ligure, trionfante a Montecarlo, affronterà il moldavo Radu Albot, numero 44 ATP, quest’anno vincitore del suo primo titolo a Delray Beach. Il bilancio è sull’uno pari ma i due confronti precedenti non si sono tenuti sul rosso, per questo il match odierno sarà su basi diverse. Se Fognini dovesse essere in condizione e non patire più di tanto il dolore alla gamba allora potrebbe far sua la partita. In quel caso lo attenderebbe il vincente proprio del confronto tra Sinner e l’ellenico Tsitsipas, che si disputerà non prima delle 13.00 sul campo 1. Una sfida particolare visto che il 17enne altoatesino, per la prima volta in un secondo turno di un Masters 1000, affronterà un top-10 e uno dei Next Gen più forti. Il greco, finalista a Madrid, è in grande forma e per Jannik sarà molto dura ma non avendo nulla da perdere si potrebbe assistere ad un grande show.

 

CLICCA QUI PER LEGGERE IL PROGRAMMA DEGLI INCONTRI (16 MAGGIO)

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Alessio Marini

Loading...

Lascia un commento

scroll to top