Giro d’Italia 2019, l’accusa di Marco Frapporti sulla tappa di Frascati: “Il gruppo ha ripreso la fuga perché è stato trainato da auto e moto”

Un’accusa piuttosto pesante, che rimette luce su una questione che suscita comunque spesso diverse polemiche. Per capire di cosa stiamo parlando dobbiamo tornare a martedì, quando Marco Frapporti è stato protagonista della fuga nella quarta tappa del Giro d’Italia, 235 km da Orbetello e Frascati.

Il 34enne della Androni Giocattoli-Sidermec era andato all’attacco subito dopo il via insieme a Mirco Maestri (Bardiani-CSF) e Damiano Cima (Nippo Vini Fantini Faizanè). I tre erano riusciti ad accumulare un vantaggio superiore ai 10’, con Frapporti che è stato a lungo anche maglia rosa virtuale. Il loro vantaggio è poi crollato e sono stati ripersi a circa 10 km dal traguardo. Secondo Frapporti c’è una spiegazione che va oltre le normali dinamiche di corsa.

In un’intervista rilasciata al Giornale di Brescia e riportata stamane da Tuttobiciweb, Frapporti non usa mezzi termini e accusa di fatto gli organizzatori: Non è possibile continuare così, il gruppo è ritornato sotto grazie agli aiuti. Ad un certo punto della fuga avevamo un vantaggio consistente, fino a 12 minuti. A quel punto non solo ero maglia rosa virtuale, ma quanto meno c’erano grandi possibilità di arrivare al traguardo e poterci giocare la tappa, il mio vero obiettivo da quando sono un corridore. Invece scopro da radiocorsa che nel giro di 5 chilometri il vantaggio scende a soli 5 minuti”.

Ed ecco che si arriva alla parte saliente, in cui Frapporti dice che il gruppo ha beneficato della scia, oltre che delle moto, anche di un’auto: “Ma noi tre davanti andavamo a 50 all’ora, come è possibile che il gruppo abbia recuperato così tanto? Il perché me l’hanno spiegato in albergo i miei compagni di squadra: oltre alla moto Rai davanti al gruppo s’è piazzata davanti una grossa auto che in pratica ha trainato il gruppo. I miei compagni mi hanno detto che si viaggiava a 75 orari in un tratto non in discesa, velocità impossibili in bici se non dietro motori”.

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

 

alessandro.farina@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Giro d'Italia 2019 Marco Frapporti

ultimo aggiornamento: 16-05-2019


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Scherma, Coppa del Mondo 2019: la spada azzurra cerca conferme tra Parigi e Dubai

Giro d’Italia 2019, la tappa di domani Vasto-L’Aquila: paesi, Comuni e Province attraversati. Quando passa il Giro sotto casa tua?